La figura professionale del web designer

Web designer: cosa fa e come diventare un esperto del settore

Il web designer è uno specialista che si occupa della parte grafica di un progetto digitale. È una figura molto richiesta, le competenze si apprendono con un corso di web design per iniziare, ma il percorso di formazione deve essere arricchito da varie esperienze diversificate e da una conoscenza approfondita dalle tendenze del settore.

Infatti, tutto quello che è legato al mondo digitale è in continua evoluzione e richiede un’attenzione costante, per essere in grado di offrire un servizio aggiornato che risponde alle esigenze reali degli utenti.

Il lavoro del web designer è legato alla comunicazione visiva di un Brand e alla UX (User Experience) degli utenti, quindi influisce sulla percezione rilevata durante la navigazione.

Cosa fa un web designer

L’attività svolta dal web designer è quella di creare delle interfacce performanti su siti web e applicazioni, unendo testi e contenuti multimediali per creare una modalità di comunicazione efficace.

Le fasi del suo lavoro consistono nella progettazione della parte visiva, che comprende sia il layout che l’usabilità del sito stesso, con la finalità di migliorare l’esperienza dell’utente nel suo percorso digitale.

Per riuscire a proporre un servizio efficace deve avere delle competenze sia in grafica che in linguaggio di programmazione, al fine di riuscire a concretizzare un’idea o un progetto. Le sue capacità devono comprendere anche l’impostazione del colore e la scelta del font ideale, studiati per ottimizzare il layout e renderlo performante.

Le doti personali sono sicuramente la capacità di comunicare, la curiosità e la tendenza ad essere sempre aggiornati: questo aiuta l’inserimento in un ecosistema dinamico che offre molti stimoli di crescita personale e professionale.

Il web designer collabora con le altre figure professionali che lavorano ai siti web; gli sviluppatori e i grafici, con l'obiettivo comune di creare dei punti di contatto performanti rispondendo pienamente alle esigenze degli utenti che navigheranno sul sito.

La sua creatività può suggerire degli spunti per migliorare la struttura dell’interfaccia e rendere la navigazione più fluida: deve creare un equilibrio tra il design che costituisce l'obiettivo finale e la funzionalità tecnica che deve essere implementata per raggiungere lo scopo.

Per ottimizzare la user experience è necessario unire in modo armonico tutti gli elementi visivi che devono essere inseriti sulle pagine e le varie funzionalità che sono necessarie per rendere la navigazione più facile e veloce.

L'esperienza pratica del consumatore finale è l'obiettivo comune di tutti gli specialisti che lavorano al progetto.

Corso di web design

Corso di web design: come iniziare una carriera di successo

Una formazione specifica è il modo migliore per impostare dall’inizio un percorso per acquisire le competenze fondamentali. È necessario capire quali sono gli elementi fondamentali che devono essere progettati e impostati per avere una grafica efficiente.

Un corso di web design deve unire la teoria alla pratica, insegnando ad equilibrare i contenuti e rendere il progetto gradevole e performante; l’uso degli strumenti migliori deve essere accostato a nozioni che spiegano come integrare il design responsivo e la SEO.

Il corso o l’apprendimento autonomo devono rappresentare lo stimolo per fare delle prove che diventeranno dei veri e propri progetti con l’esperienza; l’unico modo per imparare è sperimentare e analizzare con occhio critico il risultato e avere anche il feedback di esperti del settore.

Per capire se il progetto è performante, occorre guardarlo dal punto di vista dell’utente e chiedersi quale tipo di esperienza deriva dall’impostazione del contenuto; lo scopo informativo deve unirsi a quello grafico e a quello delle prestazioni per lavorare in sinergia e far sì che la permanenza dell’utente sul sito sia piacevole, duratura e si ripeta nel tempo.

Un progetto realizzato dal web designer non deve basarsi esclusivamente sull’inserimento di immagini, ma deve ottimizzare anche la user experience la user interface, per rendere la navigazione più facile e aumentare il tempo di permanenza sul contenuto visualizzato.

Questo risultato si ottiene rendendo l’impaginazione chiara e accessibile e guidando gli utenti verso i contenuti che portano agli obiettivi prefissati; non si tratta solo di una vendita, ma anche il blog o l’iscrizione alla newsletter hanno un ruolo nella pianificazione di una strategia di comunicazione.

Web designer e web developer: le differenze

Sono due figure professionali che possono collaborare per creare un sito web, ma hanno ruoli e responsabilità diverse: il web designer si occupa della parte grafica, mentre il web developer si concentra sulla parte tecnica.

Chi lavora sul design deve essere creativo, saper usare i programmi di grafica per realizzare un layout impattante, coordinare immagini, testi e font sulle pagine web: in pratica deve concretizzare un’idea e renderla accattivante agli occhi dell’utente.

Il web developer, invece, deve implementare le funzionalità tecniche, sulle prestazioni e lavorare sulla programmazione del sito; il risultato deve essere un progetto funzionale che renda operativi tutti gli elementi presenti sul sito.

Quest’ultimo ruolo ha anche il compito di risolvere gli eventuali bug che bloccano o rendono difficile la navigazione, ottimizzare la velocità del sito, proteggere i dati inseriti e garantire la sicurezza soprattutto quando si ha a che fare con un sito di e-commerce dove sono possibili transazioni monetarie in formato elettronico.

I due specialisti possono anche lavorare in modo indipendente, senza avere contatti, ma l’obiettivo comune deve essere la realizzazione di un progetto intuitivo per l’utente, armonioso dal punto di vista visivo, veloce e fluido nella consultazione, originale nel layout.

Lavorare insieme rappresenta un ottimo spunto per migliorare la realizzazione grafica, unire le competenze rafforza lo spirito di squadra e permette di creare progetti web innovativi e di qualità.

Entrambe le figure devono essere costantemente aggiornate sulle ultime tendenze, per rispondere in modo tempestivo alle aspettative degli utenti e proporre delle esperienze coinvolgenti con i siti creati.

Web designer freelance

La User Experience in un progetto digitale

Ogni progetto digitale richiede diverse competenze, che possono essere apportate da figure professionali diverse. Queste però devono lavorare con lo scopo di raggiungere gli obiettivi prefissati, primo fra tutti quello di soddisfare gli utenti creando conversioni.

Quindi ogni attività deve considerare l’esperienza dell’utente per ottimizzare la navigazione e favorire la permanenza sul sito, creare interazioni e stimolare la visualizzazione dei diversi contenuti proposti.

Il percorso dell’utente dovrebbe guidare ogni decisione, al fine di rispondere alle aspettative e alle esigenze dei consumatori finali e di rendere la visualizzazione piacevole e intuitiva.

Gli elementi per ottimizzare la User Experience

Gli elementi visivi devono essere organizzati in modo chiaro per risultare di facile utilizzo; i font devono essere leggibili e i colori armonici, per creare un insieme impattante che risulti originale. L’ottimizzazione di questi fattori determina il modo in cui gli utenti riusciranno ad interagire con un sito web, un’applicazione o una qualsiasi interfaccia digitale.

La funzionalità favorisce la navigazione interna, i link accompagnano l’utente verso argomenti pertinenti e correlati; la grafica accattivante definisce l’identità aziendale e crea un ricordo nella memoria di un futuro cliente. Gli elementi inseriti definiscono un Brand e devono essere utilizzati in tutti i touchpoint per favorire la visibilità online e il suo posizionamento.

La User Experience, quindi, rappresenta il focus di un’interfaccia digitale e definisce la percezione di un sito web; è fondamentale perché qualsiasi contenuto digitale non è una realtà indipendente, ma viene creata con lo scopo di essere conosciuta e utilizzata.

La soddisfazione dell’utente, che deriva dalla facilità di navigazione e dal layout intuitivo, allunga sia i tempi di permanenza sul sito sia la ripetizione di visite allo stesso da parte dell’utente; in questo modo fornisce dati importanti non solo al data analyst di un’azienda, ma anche ai motori di ricerca che riconoscono, in questi numeri, la rilevanza per i consumatori finali.

Come rendere un contenuto responsive?

L’abilità di un web designer si individua anche nella capacità di creare un sito web responsive; questo significa che il contenuto si adatta in modo automatico ai diversi dispositivi sui quali viene visualizzato.

In pratica le immagini si ridimensionano, gli spazi tra i diversi elementi cambiano e la visione d’insieme garantisce un’esperienza ottimale per l’utente.

La progettazione deve basarsi sulle aspettative dell’utente e facilitare le interazioni, ma la creazione di progetti troppo complessi può risultare controproducente quando si passa a un dispositivo diverso, ad esempio da desktop a smartphone.

Diventa quindi fondamentale impostare gli elementi per consentirne la fruibilità ovunque, mantenendo l’identità aziendale riconoscibile. La coerenza visiva e funzionale viene apprezzata anche dai motori di ricerca, che la riconoscono nelle impostazioni e garantisce un vantaggio competitivo sul posizionamento.

Il web designer deve quindi essere in grado di creare layout flessibili, di facile utilizzo e che riescano ad anticipare le tendenze nel comportamento di navigazione per creare esperienze ottimizzate.

Web designer cosa fa

Web designer: stipendio o freelance?”

Quando si intraprende una carriera nel mondo digitale, si presenta la possibilità di scegliere tra diventare un professionista freelance o iniziare una carriera in azienda.

Le diverse proposte corrispondono a due profili diversi anche dal punto di vista umano: chi lavora in proprio deve avere doti di organizzazione e proattività forti per impostare un piano esecutivo; chi si inserisce un una realtà strutturata, molto probabilmente avrà un supervisore che controlla l’avanzamento e la consegna dei lavori alla scadenza prefissata.

Nella fase iniziale, quando non si ha molta esperienza, la stretta collaborazione con altri specialisti aiuta l’apprendimento non solo della disciplina che si sta studiando, ma anche del mondo digitale in generale; questo favorisce una visione globale che migliora le competenze personali e fornisce nuovi e stimolanti approcci di cooperazione.

La figura del web designer, che riconosce l’apporto ad un progetto dei suoi colleghi e riesce a dargli la giusta rilevanza, risulta inoltre più professionale e competente e incentiva il lavoro in team.

L’inserimento in un’azienda può rappresentare l’inizio di una carriera, nella quale i lavori svolti e i progressi raggiunti vengono raggiunti e premiati con i giusti riconoscimenti.

Modalità freelance per migliorare il tuo work life balance

Un profilo che ha già esperienza e riesce a costruire una rete di contatti può optare per l’apertura di partita IVA, che consente di lavorare in modo indipendente. Questa modalità di proporsi sul mercato, se ben organizzata, lascia uno spazio diverso alla vita privata.

Il web designer freelance, infatti, può decidere dove e quando lavorare, e se ha molti clienti riesce a dedicarsi ai progetti a lui più congeniali o più retribuiti.

Presenta anche lati negativi, come il fatto di non avere un reddito fisso; spesso però le collaborazioni occasionali si affiancano a quelle più durature e garantiscono una stabilità economica che si riflette sulla soddisfazione personale.

Quando si hanno diversi clienti si riesce a costruire un portfolio variegato, che spazia in diversi settori, mostrando la propria versatilità e aprendo la strada a nuove potenziali sfide.

La scelta è personale, ogni modalità ha i suoi vantaggi e svantaggi, ma in ogni momento della propria vita ognuno deve essere libero di affrontare nuovi percorsi che si adattano alle priorità ed esigenze personali.

Il web designer quanto guadagna?

Uno dei fattori ricorrenti che influenza la decisione in un percorso di apprendimento, è quello che si collega alla retribuzione e alla possibilità effettiva di trovare lavoro.

In ogni professione c’è una fase iniziale nella quale la mancanza di esperienza influisce direttamente sul guadagno effettivo: non essere pagati quanto ci si aspetta non è gratificante.

Le difficoltà iniziali, dovute a questa mancanza di riconoscimento, possono anche essere considerate delle opportunità, prima fra tutte quella di svolgere lavori che raggiungono gli obiettivi e che devono essere inseriti nel curriculum e nel portfolio per testimoniare la professionalità raggiunte.

Opportunità per impostare una carriera di successo

Un web designer alle prime armi non riceverà l’incarico di un progetto importante e costoso, che richiede le competenze di una figura senior; tuttavia, anche i progetti più piccoli danno soddisfazione e sono soprattutto più facili da gestire.

Nel mondo digitale, inoltre, è spesso difficile far capire ai clienti quanto sia importante pianificare delle attività per aumentare la visibilità di un Brand. Alcune strategie, che portano risultati visibili in un’ottica a lungo termine, vengono snobbate da imprenditori che non hanno capito le potenzialità del web e che non vogliono investire in questo senso.

A questo scopo è molto importante, nella presentazione di un progetto digitale ad un cliente, indicare chiaramente quali sono gli obiettivi che ci si propone di raggiungere, in quale intervallo di tempo e quale obbiettivo di ROI (Return of Investments) ci si deve aspettare.

In questo modo si darà al cliente, che essendo un imprenditore ragiona in termini di fatturato, costi e ricavi, una esatta metrica di valutazione del progetto stesso.

Lo stipendio varia in base alle competenze acquisite e comprovate, alla maturità professionale e soprattutto ai risultati raggiunti che devono essere dimostrabili. La posizione geografica può influire per le offerte di lavoro in sede, ma questa professione consente di svolgere il proprio lavoro anche da remoto offrendo il proprio servizio e la propria competenza anche a cliente geograficamente distanti.

Per offrire un servizio migliore, che può giustificare un compenso più alto, è utile avere una formazione multidisciplinare: avere una visione globale del mondo digitale e di internet aiuta nella creazione di progetti più performanti e di un profilo più professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *