Lavorare nel digital marketing senza laurea

Lavorare nel digital marketing senza laurea

Nell’era digitale le opportunità di avviare una carriera di successo sono notevoli e lavorare nel digital marketing senza laurea è una realtà che apre nuovi orizzonti di crescita professionale.

I ruoli richiesti, in questo mondo dinamico e in continua evoluzione, richiedono competenze trasversali che danno vita a nuove collaborazioni e strategie di comunicazione innovative: emerge quindi la necessità di un aggiornamento costante.

Per lavorare nel digital marketing senza laurea occorre però seguire un percorso di formazione mirato, per acquisire le nozioni di base che regolano le dinamiche del settore e riuscire a proporsi con professionalità.

Come proporsi nel digital marketing per lavorare senza laurea

Il modo di presentarsi di una figura professionale puo’ generare un immediato interesse in colui che sta effettuando la ricerca di un collaboratore. È, quindi, consigliabile prepararsi in modo adeguato non solo per un eventuale colloquio di lavoro, ma anche al fine di avere un profilo professionale  interessante da proporre su un mercato che è si molto competitivo, ma offre anche reali opportunità.

Per lavorare nel digital marketing senza laurea è importante mettere in evidenza le competenze acquisite che sono direttamente spendibili nel ruolo richiesto.

Ogni posizione, dal copywriter al manager web marketing, deve avere una conoscenza generale del settore in cui vuole operare e delle specifiche che riguardano proprio i task che deve portare a termine.

Il panorama generale serve a comprendere il settore nella sua totalità, il modo in cui ci si approccia al cliente e le impostazioni con le quale si opera; stimola anche la collaborazione tra le diverse figure professionali e facilita la creazione di un team.

Le competenze specifiche mettono in evidenza la propria idoneità rispetto alle richieste e suggeriscono quale potrebbe essere l’apporto individuale in un progetto; questo può essere un input che determina la scelta finale tra una rosa di candidati. Il primo passo da fare è acquisire competenze tangibili e raccogliere referenze verificabili, che saranno un valore aggiunto alle capacità di ogni persona di svolgere il lavoro per cui si sta candidando.

Le attitudini personali per lavorare nel digital marketing senza laurea

Un titolo accademico viene conferito al termine di un corso di studi che fornisce molte nozioni teoriche, spesso associate a un tirocinio o a uno stage che permettono di mettere in pratica quello che è stato acquisito.

Questo può rappresentare la base per costruire una carriera di successo, ma non implica la certezza automatica di essere adatti a ricoprire un ruolo importante in un’azienda, o di avere delle competenze maggiori di una persona che ha sviluppato un percorso di formazione non accademico.

Ci sono delle qualità individuali e delle discipline specifiche che sono richieste per lavorare nel digital marketing, anche senza laurea. Alcune sono comuni ad ogni ruolo che si approccia a questo settore:

  • Capacità di comunicare
  • Conoscenza delle piattaforme digitali
  • Creatività
  • Attitudine al lavoro in team
  • Gestione delle scadenze
  • Proattività

Capacità di comunicare

Il mercato digitale connette le persone con diverse finalità; i rapporti sono facilitati perché internet non ha confini geografici ed è potenzialmente immenso.

La qualità primaria richiesta è quella di essere predisposti alla comunicazione in diverse forme, sia scritte che verbali. Poi bisogna sviluppare le competenze che permettono di raggiungere i segmenti di pubblico in target.

Conoscenza delle piattaforme digitali

Sapersi destreggiare tra le diverse piattaforme a disposizione è sicuramente un vantaggio competitivo. Ogni social o marketplace ha delle peculiarità che lo rendono più accattivante per le diverse fasce di utenti che lo utilizzano; la padronanza dei mezzi di comunicazione permette di creare connessioni performanti.

Creatività

Il mondo digitale è estremamente competitivo, proporsi in modo originale può essere l’elemento chiave per distinguersi e raggiungere gli obiettivi prefissati.

La creatività deve essere applicata alla creazione di contenuti e alla pianificazione di strategie di marketing, con la finalità di creare elementi distintivi e persuasivi in grado di attirare gli utenti.

Attitudine al lavoro in team

Viene richiesta l’attitudine ad inserirsi in un gruppo di lavoro dove collaborano diverse figure professionali.

Lo scambio di idee stimola la produzione di contenuti, ogni professionista dà il suo contributo e può valorizzare il lavoro dei suoi colleghi. Quando si condivide un obiettivo comune, il supporto e la cooperazione  sono fondamentali per avere prestazioni migliori.

Gestione delle scadenze

Saper gestire il tempo a disposizione e rispettare le scadenze prefissate può risultare difficile, soprattutto per chi è all’inizio e non ha esperienza, o quando si lavora contemporaneamente a progetti diversi.

Occorre individuare le priorità e organizzarsi per svolgere tutti i task entro i termini; quando è possibile, meglio delegare o cercare un supporto collaborativo per rendere un servizio efficiente e di qualità.

Proattività

Per essere competitivi bisogna essere aggiornati e proattivi: una proposta che anticipa l’esplosione di un trend può risultare molto vantaggiosa per chi riesce a sfruttarla.

La curiosità stimola l’osservazione, cogliendo dettagli che possono essere trasformati in elementi chiave in un progetto; offre spunti di riflessione in un settore in evoluzione che è alla costante ricerca di nuovi modi di interagire.

Queste attitudini personali favoriscono l’inserimento nel mercato digitale, valorizzando le competenze acquisite durante il percorso di formazione personale.

Digital Marketing Manager

Cosa studiare: competenze essenziali nel mondo digitale

Alcune discipline sono essenziali per inserirsi nell’ecosistema digitale con professionalità.

Ogni ruolo richiede competenze specifiche, indispensabili per lavorare nel digital marketing anche senza laurea, ma ci sono delle basi che sono comuni e che devono essere prese in considerazione prima di verticalizzare la preparazione personale:

  • SEO
  • Impostazione grafica
  • Analisi dati
  • Scrittura persuasiva
  • Intelligenza artificiale

SEO

Chi opera in un settore digitale sa che uno dei parametri fondamentali per determinare il successo di un progetto è il posizionamento dello stesso online. Le attività che migliorano questo dato si basano sulla SEO (Search Engine Optimization), cioè le tecniche che ottimizzano i contenuti pubblicati per essere considerati idonei dai motori di ricerca.

Questa disciplina non interessa solo il SEO Specialist, ma tutti gli operatori che sviluppano testi o grafiche da inserire in un sito o in una piattaforma digitale. Sapere come impostare la SEO è un vantaggio per aumentare la visibilità e migliorare la presenza online.

Impostazione grafica

Il Graphic Designer deve conoscere in modo approfondito i programmi idonei alla creazione di video e immagini; avere un’idea dell’impostazione di base di un‘infografica dà un’indicazione dell’approccio corretto verso gli utenti per attirare l’attenzione.

Il mondo digitale è ricco di immagini che sono più veloci e impattanti, nella comunicazione visiva, di testi lunghi e frasi complicate. La prova di questa tendenza è la rilevanza della ricerca per immagini che riscontra una crescita costante.

Analisi dati

Non si tratta del lavoro svolto dal Data Analyst, ma dell’interpretazioni di indicatori come il tasso di engagement, il ROI (Return On Investment), il tasso di rimbalzo o le interazioni sui social.

Il significato può aiutare a capire l’andamento di un progetto o di una campagna pubblicitaria e di intervenire quando gli argomenti vengono trattati in una riunione aziendale o in una presentazione, che sia rivolta ad un cliente o a un pubblico interessato.

Scrittura persuasiva

La comunicazione non deve essere banale, se vuole raggiungere lo scopo di attirare l’attenzione e creare conversioni. La scrittura persuasiva si ottiene rivolgendo l’attenzione agli utenti, ai loro bisogni, e facendo leva su questi con messaggi originali.

Rappresenta uno stimolo che sollecita una risposta emotiva e che spinge a compiere un’azione. Serve per comunicare creando interazioni e per favorire rapporti duraturi.

Intelligenza artificiale

Una delle competenze richieste per lavorare nel digital marketing senza laurea è quella di saper usare l’intelligenza artificiale. Questa non è da intendersi come un sostituto delle capacità personali, ma uno strumento integrativo per velocizzare e migliorare il proprio lavoro.

Si applica in tutti i settori, dal copywriting alla progettazione grafica, per aiutare a svolgere i vari task con un input in più. Occorre però sapere come sfruttarla, come impostare le richieste e come verificare che le informazioni prodotte siano esatte e riutilizzabili.

Come costruire il profilo professionale

Creare una presenza online costituisce il primo passo per lavorare nel digital marketing senza laurea. Farsi conoscere, mettendo in evidenza le competenze acquisite, significa creare un’immagine che suggerisce professionalità e affidabilità.

Non è necessario preparare un documento lungo e noioso, meglio optare per le informazioni necessarie che rispondano alle richieste dei recruiter o dei potenziali clienti.

Profilo Linkedin

La piattaforma di Linkedin è specifica per i profili professionali. È importante proporsi mostrando ciò che si può fare in modo sintetico e cercare collegamenti inerenti al settore in cui ci si vuole inserire.

Le interazioni sono una possibilità di farsi conoscere, facendo domande o commenti intelligenti che possono mettere in risalto lo spirito critico e gli interessi personali, oltre che lavorativi.

La pubblicazione di post può essere utilizzata per diffondere i lavori creati, che siano articoli, video o altri contenuti digitali, ma anche per parlare dei progetti ai quali si sta lavorando, stimolando l’engagement con interazioni considerazioni personali.

Portfolio digitale

La creazione di un portfolio digitale consente di riunire i lavori più importanti e performanti e testimoniano le competenze acquisite; se è possibile aggiungere i dati che provano il posizionamento o il miglioramento raggiunto, si aggiunge valore e professionalità.

Il formato digitale è più comodo da inviare, un link permette di usare un contenuto sempre aggiornato e facilita quindi la comunicazione interattiva.

Devi includere le collaborazioni più importanti, attraverso progetti che parlano di te e delle tue aspirazioni e metti in evidenza le esperienze verificabili.

Network di conoscenze

Costruisci una rete di contatti rilevanti per instaurare collaborazioni di lavoro e per ampliare le tue competenze. Il mondo del digital marketing è dinamico, se non ti aggiorni la tua professionalità ne risente e il tuo servizio potrebbe apparire meno vantaggioso.

Quando ti poni verso gli altri, mostra sempre il tuo interesse e le conoscenze del settore, mettendo in primo piano la determinazione che ti ha spinto a formarti in un mondo pieno di opportunità. Tieni in considerazione anche i futuri colleghi, che al momento sono meno competitivi ma con i quali potrai lavorare in breve tempo.

Digital Marketing senza esperienza

Dalla teoria alla pratica: l'Importanza dell'esperienza sul campo per lavorare nel digital marketing senza laurea

La differenza tra un profilo professionale con formazione accademica e uno che vuole lavorare nel digital marketing senza laurea, può essere evidente nell’esperienza sul campo che aggiunge valore a tutto quello che è stato studiato con la teoria.

L’azione è stimolante e permette di avere un riscontro tangibile a tutte le nozioni apprese durante gli studi. I corsi parauniversitari o quelli specifici organizzati dalle scuole di formazione e dalle piattaforme online, danno le impostazioni di base: ogni figura deve dare prova di essere capace di applicarle nella vita lavorativa.

Le prime esperienze possono essere sotto forma di stage o con uno stipendio base che non dà molta soddisfazione; devono essere considerate come un’opportunità di farsi notare e forniscono le prime collaborazioni da inserire nel curriculum.

L’interazione in un team di lavoro è la possibilità di apprendere da professionisti con esperienza: i trucchi del mestiere non si imparano sui libri, ma dalle sfide quotidiane che richiedono prontezza di riflessi e doti di problem solving.

L’esperienza pratica, inoltre, ti aiuta a formare una mentalità aperta che guarda i dettagli più importanti e ti indirizza verso un miglioramento continuo.

La cooperazione stimola il tuo spirito di adattamento, sia verso le situazioni difficili, sia verso le persone con le quali potresti trovarti obbligato a lavorare, senza averle scelte. Adattarsi significa implementare le nuove tecnologie e metodologie di lavoro, che possono aumentare le performance individuali e di gruppo, e facilitare il raggiungimento gli obiettivi pianificati.

Sbocchi lavorativi del marketing digitale

La pianificazione di un percorso di formazione mirato ti porterà alla capacità di ricoprire ruoli di prestigio, come quella del Digital Marketing Manager.

Per avere le competenze necessarie bisogna partire dallo studio e implementare esperienze significative che diano valore e autorevolezza al profilo professionale.

Le posizioni manageriali hanno delle responsabilità e devono sapere come intervenire per risolvere difficoltà e imprevisti nelle attività pianificate.

La coordinazione di un team prevede la conoscenza di quello che ogni collaboratore fa; la supervisione effettuata da questo specialista deve ottimizzare tutte le opportunità e indirizzarle verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

È un ruolo operativo, che richiede dinamicità e autorevolezza e che ha una visione globale di ogni progetto. La leadership non significa solo controllare dall’alto, ma intervenire in modo tempestivo ogni volta che si presenta la necessità.

Le strategie di marketing, infatti, richiedono un monitoraggio costante che ne misura le performance e devono essere modificate e ottimizzate anche dopo essere state avviate.

Dove studiare per lavorare nel digital marketing senza laurea

Se vuoi seguire un percorso di formazione per iniziare a lavorare nel digital marketing senza laurea, puoi scegliere tra le varie proposte che trovi, sotto forma di corsi online o in presenza.

Si tratta di percorsi mirati, che spesso si focalizzano più sul panorama digitale attuale e forniscono nozioni di base sulla storicità del settore. Lo studio si affianca ad attività pratiche e spesso è previsto un tirocinio in realtà aziendali per garantire anche una prima esperienza.

Per essere competitivi in questo settore non si può improvvisare, il profilo professionale deve essere costruito con serietà, con la finalità di essere realmente preparati a cogliere le opportunità e ad affrontare le sfide lavorative.

Sul piano personale, avere una mentalità aperta e flessibile ti aiuta a considerare le situazioni con senso critico, senza farti condizionare da pregiudizi.

Ogni cambiamento deve essere visto come un’opportunità di crescita, in un settore dinamico sapersi adattare alle diverse situazioni aggiunge valore alle doti personali e crea un elemento di distinzione.

I workshop e i webinar sono occasioni di apprendimento e miglioramento, perché trattano di argomenti di tendenza di interesse comune.

Infine, l’esperienza pratica che deriva dal lavoro in contesti di lavoro reali, aiuta a plasmare figure professionali di rilievo che sanno come agire, rafforzando l’immagine di un Brand.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *