Integrare Instagram su Shopify

Instagram può essere una ottima opportunità  di visibilità e di conversione per tutti coloro che gestiscono un negozio online. D’altronde, immagini attraenti di prodotti e efficaci sinergie possono aumentare notevolmente le vendite di un articolo.

Ebbene, ci sono molti modi per ottenere una pratica integrazione tra Instagram e una vetrina Shopify. Ma quali sono i principali?

Collegare il proprio store su Instagram

La prima e più semplice “integrazione” che si può fare è quella di usare il proprio link su Instagram per collegare il proprio negozio. Tenete sempre conto che su Instagram è consentito solo un link effettivo e cliccabile, mentre non è possibile inserire collegamenti nei sottotitoli dell'immagine. L'unico link cliccabile che avete il permesso di pubblicare è nella vostra biografia: fatene buon uso!

Per questo link, avete peraltro due opzioni. La prima è quella di collegare Instagram alla home page del vostro negozio online. Si tratta certamente di una buona opzione, ma tende comunque a funzionare meglio se il vostro store è abbastanza grande. L'altra opzione è invece quella di ruotare il link in maniera occasionale, indirizzandolo non al vostro store, bensì a pagine di prodotto specifiche per cercare di concentrare il traffico su un dato prodotto per un mese, e così via.

Pubblicare nuovi prodotti su Instagram

Un altro modo per integrare i due siti – il vostro negozio e Instagram – è quello di assicurarsi che ogni volta che si lancia un nuovo prodotto, le immagini siano poi pubblicate sul vostro feed di Instagram. Naturalmente, se non siete particolarmente inclini a lanciare nuovi prodotti, come ad esempio se ne state facendo solo uno o due, e il lancio di un terzo è un grosso problema all’orizzonte, probabilmente non sarà necessario automatizzare questa procedura, ma limitarsi semplicemente a creare i post al momento del lancio del prodotto o programmarne un pò prima del tempo.

È anche vero che molti di voi potrebbero dover gestire delle vetrine con elenchi di prodotti aggiornati di frequente. Un esempio potrebbe essere un business che vende prodotti telefonici: i nuovi modelli di smartphone escono in continuazione, e a meno che non vogliate limitarvi a pochi brand, è probabile che riuscirete a dover gestire decine di uscite per ogni stagione.

Anche in questo tipo di scenario, ogni volta che aggiungete un nuovo prodotto potete manualmente inserire anche l’annuncio su Instagram, ma vi richiederà molto lavoro. Meglio pertanto automatizzare le cose e programmare le uscite, in maniera tale da non inondare il proprio feed in tempi momenti troppi ravvicinati.

Fortunatamente, ci sono una serie di diverse opzioni per gestire questa incombenza, ma probabilmente una delle migliori è Auto Post di Posting.ly.

E voi che ne pensate? Come vi comportate per poter creare delle integrazioni tra Shopify e Instagram?

instagram

Vendere su Instagram: 5 cose da fare

Introdotto quanto sopra, abbiamo il piacere di spingerci un po’ oltre e cercare di capire cosa devi fare e cosa NON devi fare se vuoi vendere su Instagram.

Cominciamo dalle azioni positive, ovvero da tutte quelle azioni che dovresti fare se vuoi realmente vendere su questo social network, in sinergia con il tuo store su Shopify.

Non avere paura di vendere su e con Instagram

Se hai seguito dei corsi di gestione dei profili sui social media, probabilmente ti è sempre stato detto di “mostrare il lato umano”. Ebbene, è vero. Ma attenzione a non esagerare!

Ci sono infatti diversi recente studi condotti proprio su Instagram che dimostrano che gli utenti seguono i brand principalmente per guardare i loro prodotti, siano essi delle macchine fotografiche o dei personal computer, delle pale eoliche o delle penne.

Insomma, bene mostrare il tuo lato umano. Ma ancora meglio ricordarsi di aggiungere con frequenza le foto dei prodotti al tuo calendario dei contenuti di Instagram, per dare agli utenti quello che vogliono e per ricordare loro – gentilmente! – che sei un'azienda che ha dei prodotti da vendere.

Usa le foto per comunicare

Può sembrare una banalità ma… le persone sono su Instagram per guardare le foto!

Se dunque credi che aspetteranno fino alla didascalia per scoprire che magari hai lanciato una nuova promozione, ti sbagli di grosso, e correrai il serio rischio di far scorrere a destra un’altra immagine.

Dunque, usa le immagini per comunicare, con tutta la loro forza. Se hai una promozione come uno sconto del 50% su una tua vecchia collezione, mostrala in tutta la sua bellezza nell’immagine, evitando che l’utente sia costretto a saperne di più leggendolo dalla didascalia.

Rendi poi l’acquisto ancora più facile per gli utenti di Instagram utilizzando la homepage come URL di destinazione. Rammenta che – come abbiamo più volte detto in queste pagine – non ci sono URL sfruttabili in un news feed di Instagram, e dunque dovresti sfruttare il link in bio, e magari uno shorturl nell’immagine.

Installa un'applicazione che ti faciliti le vendite

Alcune applicazioni piuttosto intelligenti possono sincronizzarsi con Instagram per facilitare la vendita a tutti i brand, di qualsiasi settore e di tutte le dimensioni.

Il tema è piuttosto interessante ma… non è il focus del nostro odierno approfondimento. Continua però a seguirci, perché ne parleremo tra breve con un articolo ad hoc. Intanto puoi approfondire con qualche altro articolo sul tema che abbiamo predisposto sul nostro sito, e dando uno sguardo a quello che fanno i principali marchi di moda!

Utilizza contenuti altrui

Instagram è una fonte sorprendente di contenuti generati dall'utente (spesso non richiesti). Quindi, se durante la tua navigazione sui profili Instagram hai trovato una bella foto del tuo prodotto mentre è in uso, perché non chiedere il permesso all'utente di Instagram che lo ha pubblicato per utilizzarlo nella tua prossima pubblicazione?

Non solo non c’è niente di male, ma ti permetterà altresì di dimostrare che sei molto attento a quello che fanno i tuoi follower e gli altri utenti, confermando la tua partecipazione alla community dei tuoi clienti e all’intero ecosistema di fruitori dei tuoi prodotti.

Analizza i post sponsorizzati

Ora che gli annunci Instagram sono disponibili per tutti gli utenti, perché non fare un rapido studio dei post sponsorizzati che attualmente appaiono nel tuo newsfeed? Dopo tutto, dare uno sguardo a quello che sta facendo la tua concorrenza è un modo molto efficace per imparare a vendere su Instagram.

Guarda pertanto quali sono i post sponsorizzati che ottengono un numero elevato di “Mi piace” e di commenti positivi. Cerca di comprendere se in essi puoi trovare dei tratti comuni che potresti poi sfruttare nelle tue prossime campagne di content marketing.

instagram

Vendere su Instagram: 5 cose da NON fare

Ora che abbiamo capito che cosa dovresti fare per poter migliorare le tue opportunità di vendita su Instagram, è anche giunto il momento di valutare che cosa NON dovresti fare.

Pensare che vendere su Instagram è come vendere su altri canali sociali

Poiché Instagram è una rete “visiva” in tempo reale, si distingue dai suoi concorrenti social media in maniera evidente!

E quanto sopra significa anche che è necessario cercare di stimolare la vendita con un'immagine accattivante, piuttosto che con le parole. Prenditi il tempo necessario per ottenere la foto giusta, selezionandone una che, tendenzialmente, abbia una forma quadrata, facile da identificare e priva di problemi di illuminazione.

Dimenticare il “problema” del collegamento ipertestuale di Instagram

Instagram desidera che tu rimanga sulla sua piattaforma per guardare le immagini, e non uscire da esse per andare su un altro sito, qualsiasi esso sia. Per questo motivo non è consentito l'uso di link toccabili nelle didascalie delle foto.

Pertanto, evita di dimenticarti di ciò e di sottovalutare quanto possano essere pigre le persone!

Non credere che i tuoi utenti evidenzieranno un URL nella tua didascalia e poi lo incolleranno in un browser Internet mobile, a meno che non sia realmente qualcosa di imperdibile. Se vuoi davvero che le persone vadano sulla tua pagina di e-commerce devi indirizzarle verso l’unico luogo in cui Instagram ti permette di inserire un link esterno seguibile, ovvero lo slot URL nella tua biografia sul social network.

Non essere chiari sulle promozioni e sulle vendite

Qualche riga fa abbiamo effettivamente affermato che gli utenti di Instagram non amano leggere le didascalie. E quando si tratta di semplici “vetrine”, tutto ciò è certamente vero. Ma una volta che hai catturato la loro attenzione con una vendita promozionale, cerca di stroncare sul nascere le domande del potenziale servizio clienti fornendo ogni dettaglio utile.

In particolare, cerca di soffermarti sulle date di inizio e di fine della promozione, e spiega se la vendita è online, nei negozi o in entrambe le sedi. Se è online, comunica subito loro quale codice promozionale utilizzare o fai sapere che non è necessario alcun codice.

Isolare Instagram dal resto dei canali

Non crediamo che tu voglia che la tua vendita su Instagram rimanga un segreto. Dunque, ricordati sempre di promuovere la tua vendita Instagram ogni volta che è possibile, utilizzando gli altri canali su cui il tuo brand è sicuramente presente, come ad esempio Facebook, Twitter o Tumblr. Informa tutti i tuoi follower di quello che sta avvenendo su Instagram, evitando di credere che chi ti segue su Facebook sia, necessariamente, presente anche sul social network “fotografico” (o magari è presente, ma non è un tuo follower!).

Dai poi un'anticipazione alla tua lista di indirizzi e-mail, uscendo pertanto dai canali social. In particolare, cerca di focalizzarti sulla parte del tuo database che credi che sia già presente su Instagram o che comunque possa essere interessato alla tua promozione, al fine di incrementare il numero di persone partecipanti a tale vendita.

Anche se magari non riuscirai ad ottenere maggiori vendite, così facendo potresti almeno ottenere un maggiore numero di follower!

Trascurate il resto del tuo funnel

Anche se queste idee possono aver stuzzicato il tuo interesse per poter gestire la tua prossima vendita del prodotto su Instagram, non lasciare che questo sminuisca i punti di forza “base” di Instagram, diffondendo la consapevolezza del brand, costruendo relazioni, raccogliendo contenuti generati dagli utenti e conducendo ricerche di mercato.

Tagged under:

Leave a Reply

Your email address will not be published.