Gestire le Spedizioni su WordPress WooCommerce

Più volte sul nostro sito abbiamo ricordato come uno degli aspetti più importanti nella gestione di un negozio ecommerce sia quello che concerne le spedizioni. Ma come fare per gestire ottimamente le spedizioni su WooCommerce?

Impostare le zone di spedizione

La prima cosa che ti consigliamo di fare è quella di recarti sul pannello di amministrazione e cliccare su WooCommerce, per poi arrivare nella sezione delle Impostazioni e, infine, nella scheda Spedizione.

Qui potrai gestire le “Zone di spedizione“, ovvero le aree geografiche verso cui vuoi effettuare la spedizione dei tuoi prodotti, ognuna delle quali potrà essere personalizzata con specifici costi e tariffe. Puoi distinguere zone locali, nazionali, internazionali e personalizzare i vari “confini”, predisponendo – eventualmente – per ogni zona un metodo di spedizione e dei costi differenti.

Per aggiungere le zone (all'inizio sarà presente un'unica impostazione) clicca su “Aggiungi zona di spedizione“, assegna un nome, scegli Paesi o aree di riferimento, e imposta i metodi di spedizione / tariffe.

Imposta i metodi di spedizione

WooCommerce ti permette di impostare i metodi di spedizione selezionando tra quelli previsti, come “Ritiro in sede” (il cliente ritirerà i prodotti direttamente nel tuo negozio) o spedizione.

Nel caso di spedizione, potrai offrire anche una “Spedizione gratuita”, subordinandola magari al raggiungimento di determinate condizioni, come un ordine che supera una determinata cifra, la spedizione verso una particolare città o il possessi di un coupon davanti ai tuoi utenti. Per farlo non dovrai far altro che andare su “Impostazioni“, “Spedizione“, “Zone di spedizione” e su “Aggiungi metodo di spedizione” scegliere “Spedizione gratuita”, da personalizzare (è molto semplice) nelle modalità che il CMS ti proporrà, con l'individuazione di specifiche condizioni.

Puoi inoltre scegliere di fornire a WooCommerce un'istruzione relativa alla tariffa cui subordinare le spedizioni. Per far ciò seleziona “Impostazioni”, “Spedizione”, “Zone di spedizione”, e quindi “Aggiungi metodo di spedizione” e infine selezionare “Tariffa unica”.

Anche in questo caso, WooCommerce è ben in grado di guidarti nella gestione delle impostazioni. Potrai ad esempio scegliere se il costo della spedizione concorrerà o meno a formare l'imponibile (ed è quindi o meno tassato), indicare – naturalmente – l'importo di spese di spedizione per chi sceglie questo metodo di spedizione (il costo può essere fisso, in percentuale, dipendente dal numero di prodotti o dal totale dell'ordine o un mix di tali elementi).

Compiere anche queste personalizzazioni è molto semplice: ti sarà sufficiente seguire le poche istruzioni che WooCommerce avrà modo di impartire all'interno delle schede del suo plugin, e confermare alla fine le modifiche effettuate, cliccando sul pulsante di salvataggio.

A questo punto, non hai ancora finito. Potrai infatti selezionare le “Opzioni Spedizione” per indicare quando se il calcolo delle spese apparirà sulla pagina del carrello (o dopo), e se vuoi imporre di default l'indirizzo di spedizione del cliente o quello di fatturazione. Puoi inoltre indicare le classi di spedizione e curare altri aspetti del tuo sistema di spedizione attraverso le altre opzioni che WooCommerce ha in serbo per te.

Facile, no? Facci sapere che cosa ne pensi!

Consigli per migliorare le spedizioni del tuo e-commerce

Anno dopo anno le vendite e-commerce continuano ad aumentare con ritmi vertiginosi, a conferma del crescente appeal esercitato dai negozi online. Con un fatturato così importante, in continuo incremento, è lecito cercare di pensare di… approfittare di questa tendenza, salendo sul treno giusto e proponendo alla propria clientela il miglior marketing mix.

Ebbene, qualsiasi startup che spera di ritagliarsi un proprio angolo in questo promettente mercato potenziale, avrà certamente bisogno di lavorare molto sulla logistica e sulle spedizioni.  E sebbene molte delle vecchie e care regole del marketing applicato alle spedizioni di prodotti siano ancora in vigore, è anche vero che molto rimane da fare per permettere a tutti i piccoli imprenditori di potersi allineare con le migliori pratiche di mercato. Insomma, considerato che hai davanti a te un consumatore sempre più esigente e sempre più esperto, quel che devi assolutamente fare è offrire le migliori opzioni di spedizione nei confronti di ciascun utente.

Ma come fare? In che modo puoi procedere verso la giusta direzione senza intoppi e senza gravi scivoloni che potrebbero pregiudicare la bontà dei tuo sforzi di marketing?

Iniziamo con il rammentare che sappiamo bene quanto si possa essere tentati da tagliare le spese per risparmiare sui costi operativi. Tuttavia, permettici di dire una cosa: la logistica è un settore della tua attività di impresa online che non devi assolutamente di trascurare.

E proprio per poterti permettere di dare il massimo, di seguito abbiamo tre suggerimenti da tenere a mente quando programmi o riprogrammi la logistica e le spedizioni dei tuoi prodotti. Vediamoli insieme!

Crea soluzioni multiple di logistica e spedizioni

Anche se Amazon ha probabilmente una delle funzioni di magazzino più avanzate al mondo, questo gigante dell'e-commerce è ben lieto di collaborare con i corrieri per la consegna della merce. L'azienda utilizza ad esempio UPS e FedEx per evadere una buona parte degli ordini, e continua a investire molto nei suoi centri di adempimento, utilizzando la tecnologia più avanzata per il prelievo e per la scansione dei prodotti in tempi record. Ma perché lo fa? È semplice: per garantirsi di essere il migliore in un settore così importante per il suo successo, come la logistica e le spedizioni.

Utilizzando corrieri affidabili ed efficienti, l'azienda ha concentrato la maggior parte dei suoi sforzi sulla distribuzione senza doversi preoccupare di mantenere una logistica interna o una propria flotta di furgoni. Naturalmente, non è detto che questo equilibrio duri per sempre. In alcuni Paesi di principale riferimento, come quello d’origine, gli Stati Uniti, Amazon è sempre più in concorrenza con Walmart e con altri operatori molto radicati. E proprio negli USA Amazon stia sperimentando la propria flotta logistica per i periodi di punta in cui i suoi vettori non sono in grado di soddisfare la domanda. Il programma dell'azienda, “Last Mile“, è attualmente in fase di sperimentazione anche nel Regno Unito, proprio per colmare il divario tra la capacità del vettore e i volumi di consegna.

Cosa significa tutto questo? Anche in tale caso, è molto semplice: Amazon continua a investire nella logistica e nella distribuzione perché è ben conscia che questo elemento sia molto importante per le proprie strategie, e non ha alcun timore nell’investire per innovare e per modificare il proprio mix.

Dunque, non avere paura di combinare più soluzioni logistiche e di distribuzione. Poche startup possono permettersi una propria logistica interna, ma può essere possibile combinare i modelli, come dimostra Amazon. Finché sei in grado di fornire un ottimo servizio clienti, contraddistinto da consegne rapide, i tuoi clienti saranno soddisfatti. Prova dunque a valutare online quali siano le proposte dei vari vettori, arrivando a individuare quelli più convenienti, e contattane più di 3-4 per poter stringere soddisfacenti accordi.

Offri opzioni di consegna multiple per aumentare i tassi di conversione

Sai che cosa hanno in comune molti e-commerce di particolare successo? È semplice: propongono ai propri clienti diverse opzioni di spedizione. Per esempio, oltre alle consuete opportunità di spedizione e alla consegna gratuita, molte aziende hanno anche iniziato a proporre il ritiro in negozio o nei punti convenzionati, e così via.

Generalmente gli sforzi delle aziende che decidono di impegnarsi con maggiore incisività sulla offerta di più sistemi di spedizione vengono ben ripagati. Tali sforzi, infatti, non solo permettono di aumentare i tassi di conversione, ma anche il numero e il valore complessivo delle transazioni. Non vorrai mica dimenticarti di farlo e, così (non) facendo, perdere queste importanti opportunità di conversione?

Ricorda sempre di offrire più opzioni di consegna, combinandole se possibile con diverse tariffe, condizioni, sconti, ecc. In questo modo aumenterai il traffico e le vendite!

Permetti sempre la tracciabilità dei prodotti

Dovrebbe essere un concetto piuttosto “scontato”, ma non tutte le start up che operano online con i propri siti di commercio elettronico ne tengono sufficiente considerazione: permetti sempre la tracciabilità dei tuoi prodotti.

È semplice! La maggior parte dei corrieri offre già la possibilità di fruire gratuitamente di servizi di tracciabilità all'avanguardia, permettendo non solamente di poter sapere dove si trova il proprio prodotto in tempo reale (o quasi), quanto anche scegliendo di cambiare le istruzioni di consegna volta per volta, sulla base delle proprie mutevoli esigenze di riferimento.

In questo modo non solo riuscirai a ridurre il carico di lavoro del tuo servizio clienti (perché ridurrai il numero di email di contatto da parte dei tuoi utenti), ma riuscirai anche a estendere le vendite, poiché migliorerai l’immagine del tuo brand e le positive recensioni.

Perché devi offrire la spedizione gratuita

Concludiamo questo breve approfondimento con una piccola valutazione: ti conviene offrire la spedizione gratuita?

Il ragionamento alla base dell'offerta della spedizione gratuita è chiaro. Non solo ai consumatori piace ottenere qualcosa senza pagare, ma i costi di spedizione – e le opzioni – sono spesso i motivi per cui i clienti abbandonano i loro carrelli.

L'aggiunta di una consegna rapida e gratuita (ovvero, la consegna durante il giorno successivo o due giorni lavorativi) gioca contro queste paure e rende il tuo sito di e-commerce e i relativi acquisti d'impulso più attraenti. Ma la spedizione gratuita offre una serie di motivi aggiuntivi per cui qualsiasi azienda di e-commerce dovrebbe offrirla.

Il primo è l’aumento delle vendite. In parole povere, la spedizione gratuita può incrementare gli acquisti da parte della tua clientela. Non solo porta ad una riduzione dell'abbandono del carrello, ma anche ad un aumento del numero di transazioni. E per poterlo comprendere non c’è certo bisogno di scomodare delle ricche statistiche: è abbastanza ovvio che i consumatori utilizzeranno qualcosa di più se è gratuito rispetto al fatto che debbano pagare.

Già nel 2014, un rapporto Business Insider riuscì a mostrare che il 58% dei consumatori statunitensi aveva utilizzato opzioni di spedizione gratuita in sede di propri acquisti, mentre un successivo dossier condotto da Stitch Labs ha scoperto che i rivenditori che includono la spedizione gratuita vedono le vendite crescere del 10% rispetto agli altri. Ora, considerato che oggi tanti rivenditori offrono la spedizione gratuita, probabilmente questi vecchi studi dimostrano che chi ha adottato tali linee guide lo ha fatto con la giusta ambizione consapevolezza, e che forse l'aumento delle vendite dovuto alla spedizione gratuita è ancora più impressionante di quanto non suggeriscano le statistiche.

Un secondo motivo che dovrebbe spingerti a introdurre la spedizione gratuita nel tuo e-commerce è legato al fatto che questa opzione porta anche ad un aumento del ricavo medio per utente. Come spesso accade, una strategia di spedizione gratuita ruota attorno all'offerta di spedizione gratuita per ordini superiori a una certa quantità. Questo spesso porta gli acquirenti ad aggiungere cose al carrello per superare questo limite e ottenere la spedizione gratuita!

Si tratta di una tecnica di up-sell unica ed efficace se, naturalmente, viene applicata correttamente. Infatti, uno studio di qualche anno fa da parte di comScore e UPS ha affermato che il 52% degli acquirenti statunitensi aggiungeva articoli al proprio carrello della spesa e-commerce per qualificarsi per la spedizione gratuita.

Infine, un ulteriore motivo che potrebbe spingerti a introdurre la spedizione gratuita è l’aumento della fedeltà. La spedizione gratuita sia come opzione per tutti, sia come opzione al di sopra di un valore soglia del tuo carrello, sia come parte di un programma di fedeltà, conduce i clienti a tornare presso il rivenditore che la propone.

L’esempio più lampante è ciò che fa Amazon con Amazon Prime. Nonostante il fatto che dia accesso a vari servizi e che tecnicamente non è gratuito, il fatto che consenta la consegna gratuita di alcuni articoli permette a questi articoli di vendere di più.

Anche in questo caso, come vedremo tra breve, l'offerta di spedizione gratuita come parte di un programma di adesione determina anche una maggiore fedeltà al marchio con i clienti disposti ad iscriversi – in modo da ottenere un carico di dati su di loro – e persino a pagare per ottenere la spedizione ‘gratuita' e la consegna il giorno successivo sulla merce. Questo non solo ti fornisce dati preziosi e informazioni su ciò che fanno, ma tende anche a vederli tornare per saperne di più presso il tuo e-commerce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Iscriviti al WEBINAR GRATUITO

IMPARA TUTTE LE BASI DELLA VENDITA SU AMAZON E RICEVI SUBITO 3 BONUS GRATUITI

 

 

✔️ricerca prodotto con Vadim

✔️Business Plan e GANTT

✔️Strategie per massimizzare le vendite

Iscriviti al WEBINAR GRATUITO

IMPARA TUTTE LE BASI DELLA VENDITA SU AMAZON E RICEVI SUBITO 3 BONUS GRATUITI

 

 

✔️ricerca prodotto con Vadim

✔️Business Plan e GANTT

✔️Strategie per massimizzare le vendite