Gestione Ecommerce

Gestione Ecommerce: tutti i consigli per farlo al meglio

La gestione di un ecommerce è un’attività complessa che richiede competenze professionali e comprensione delle dinamiche che regolano il mercato digitale.

Il commercio elettronico, cioè effettuato su internet, rappresenta una grande opportunità di realizzare guadagni, ma presuppone il rispetto di alcune regole basilari: per questo gestire un ecommerce non è un lavoro improvvisato.

Aprire un negozio online è abbastanza semplice, richiede un investimento iniziale e ci sono molte modalità per farlo: la gestione del sito e-commerce implica la pianificazione di strategie adeguate per costruire una presenza sul web.

Come impostare la gestione Ecommerce: attività iniziali

Un’attività commerciale che vuole realizzare profitti deve avere delle impostazioni di base che saranno le fondamenta per costruire un Brand solido.

Sono necessarie delle competenze che possono essere rilevate in un singolo operatore, se l'azienda è piccola e non abbastanza budget da investire, oppure in diverse figure professionali che sono specializzate nelle operazioni che servono per far crescere l'attività.

La gestione di un ecommerce richiede una visione olistica del commercio elettronico e del mercato in cui si opera: deve integrare le best practice, le strategie vincenti e adottare soluzioni gestionali avanzate per facilitare e velocizzare il lavoro.

Le attività iniziali che servono per gestire l’ecommerce prevedono l’analisi del pubblico di riferimento e del mercato in cui si opera; questo è importante per definire i segmenti di pubblico a cui ci si vuole rivolgere e per avere una panoramica dei competitor da affrontare.

Analisi del mercato e del target

È fondamentale conoscere il mercato in cui si opera e soprattutto il settore in cui si collocano i prodotti venduti.

Questo può fornire spunti per capire quale tipo di clientela è interessata, quali operatori sono attivi con successo, per esaminare le aziende che non riscontrano gradimento del pubblico e studiare di conseguenza delle strategie che risultino vincenti.

Nel mercato digitale la concorrenza è alta, quindi per avere successo occorre essere consapevoli dei propri punti di forza e di debolezza per essere preparati a comunicare con i potenziali clienti.

Scelta di prodotti e servizi

Su internet è possibile acquistare di tutto, ogni prodotto può essere proposto con successo se viene accompagnato da una promozione adeguata.

La scelta del prodotto o servizio da vendere deve essere studiata in modo accurato: il settore non deve essere saturo ma ci deve essere spazio per proporsi e posizionarsi, con delle strategie che permettano di distinguersi dai competitor.

Gli articoli devono essere anche reperibili da un fornitore affidabile che abbia dei prezzi in linea con quelli del mercato di riferimento e che permettano di realizzare una marginalità ragionevole.

Modalità di vendita

La gestione di un ecommerce presuppone l’esistenza di un sito web personale dal quale vengono effettuate le vendite o di una presenza su un marketplace come profilo venditore.

Ogni modalità ha delle potenzialità che devono essere sfruttate e richiede un'attenzione costante delle attività svolte; le varie piattaforme che danno la possibilità di vendere online sono molto competitive ma offrono il vantaggio di essere immediatamente identificati con il marketplace di riferimento.

La presenza digitale deve essere costruita in ogni caso e implementata sui canali di comunicazione idonei per riuscire a raggiungere con sempre maggior numero di utenti.

Marketing e promozione

Per ottenere un posizionamento nelle pagine di ricerca e per raggiungere i potenziali clienti è necessario impostare delle strategie di marketing evolute.

Le attività comprendono campagne di sponsorizzazione, collaborazioni con influencer, attività di social media marketing e attività di SEO e SEM per indirizzarsi ai segmenti di pubblico in target; la promozione online è indispensabile perché le attività in organico non sono sufficienti per emergere nel vasto mercato digitale.

Il marketing deve essere pianificato da personale competente, per sfruttare pienamente tutte le opportunità che sono offerte sia dai motori di ricerca che dai social media.

Gestione delle vendite

Una delle attività rilevanti per la gestione dell'e commerce è la pianificazione ottimale della modalità di vendita, nell'ottica di offrire un servizio impeccabile ai clienti.

Non basta avere un bel prodotto ma occorre curare nei dettagli il processo di vendita in tutte le sue fasi; quindi si dovrà porre attenzione al modo in cui viene effettuato l'ordine, ai tempi di preparazione e spedizione, fino al riscontro finale del cliente che ha acquistato.

Per distinguersi dai competitor il servizio offerto deve essere orientato agli utenti e alla loro soddisfazione, per assicurarsi di lasciare un ricordo positivo che possa invogliare a fare acquisti futuri.

Customer service

Si tratta di un aspetto distintivo per la gestione di un ecommerce in quanto ha un rapporto diretto con potenziali clienti fin dal loro primo approccio.

L'assistenza clienti ha la capacità di far sentire l'utente al centro dell'attenzione e di assicurare un rapporto costante fino alla fine della transazione; l'acquirente che ha dei dubbi o perplessità deve avere un punto di riferimento per essere rassicurato e per riscontrare una risposta a tutte le domande.

Il customer service ha inoltre la potenzialità di prevenire recensioni negative, cercando di trovare soluzioni a eventuali problematiche, e può suggerire agli utenti di lasciare feedback positivi che saranno utili per aiutare i clienti futuri a prendere decisioni consapevoli.

Come gestire il tuo e commerce

Consigli per gestire meglio un e commerce

Il mercato del commercio elettronico suggerisce alcuni aspetti che possono diventare i punti di forza per una corretta gestione dell’e commerce.

L’attenzione rivolta al cliente è basilare, i tool avanzati aiutano tutte le fasi dell’attività, un atteggiamento proattivo e dinamico permette di anticipare i competitor ed emergere.

Comunicazione multicanale per la gestione Ecommerce ottimale

L’approccio multicanale è la strategia di comunicazione che risponde alle esigenze del mercato digitale per ogni attività che vuole emergere.

Ogni azienda deve utilizzare i canali idonei per raggiungere gli utenti in target, elaborando piani efficaci in linea con le esigenze del proprio settore.

Per gestire un ecommerce e realizzare un business profittevole è consigliabile adottare una comunicazione omnicanale per sfruttare tutte le potenzialità offerte dal web.

La finalità è quella di costruire punti di connessione tra Brand e potenziali consumatori, veicolando messaggi studiati in base ai dati di analisi raccolti. I benefici:

  • messaggi studiati per ogni piattaforma utilizzata
  • maggiore presenza digitale
  • più opportunità di pianificare campagne di sponsorizzazione

L’immagine aziendale deve trasparire in ogni touchpoint, adattandosi al canale utilizzato e al tono di voce utilizzato per rivolgersi a quel segmento di pubblico.

In questo modo gli utenti sapranno riconoscere il Brand ad ogni visualizzazione e sviluppare una maggiore fiducia nello stesso.

Retargeting e remarketing

Acquisire nuovi clienti è costoso e richiede molti sforzi, ogni azione che ha questo obiettivo richiede anche tempi coerenti per raggiungerli.

Quando un potenziale cliente ha dimostrato interesse per un prodotto o servizio, l’azienda deve applicare delle strategie per cercare di rintracciarli e spingerli all’azione.

La gestione efficace dell’ecommerce non può prescindere da azioni di retargeting e remarketing per tentare di recuperare quelle transazioni che non sono state concluse e incrementare le conversioni.

Queste strategie utilizzano i dati lasciati dagli utenti durante la loro navigazione e si basano sulla presentazione di articoli visualizzati in precedenza; se l’azienda ha raccolto informazioni, come indirizzo email o numero di telefono, sarà possibile inviare comunicazioni individuali e perfettamente in linea con le preferenze dimostrate.

Una pratica che riscuote una discreta percentuale di successo è ad esempio la mail inviata dopo l’abbandono del carrello: gli articoli inseriti permettono di elaborare messaggi che rispondono alle esigenze dell’acquirente e l’attenzione dimostrata dal Brand costituisce una gratificazione per il cliente.

Le pratiche di remarketing e retargeting devono essere bilanciate da altre attività di comunicazione per non risultare troppo invasive: l’utente deve sentirsi libero di informarsi e deve vedere gli annunci come suggerimenti che stimolano gli acquisti.

Scheda prodotto

L’ottimizzazione della scheda prodotto permette di differenziare la propria comunicazione, attraverso piccoli dettagli che valorizzano sia i prodotti, sia il Brand.

Quando si imposta una scheda è fondamentale pensare alle informazioni che l’utente sta cercando e rendere tutto semplificato per una rapida lettura che favorisce la conversione. Ecco quindi cosa mostrare:

  • elenco puntato che mostra le caratteristiche dei prodotti
  • immagini e video in alta risoluzione che valorizzano tutti gli aspetti degli articoli
  • suggerimenti per l’uso
  • benefici per l’utente derivanti dall’utilizzo
  • recensioni positive di altri utenti che hanno già acquistato

I feedback sono molto utili perché generano un senso di fiducia: altri clienti, che hanno avuto un’esperienza positiva vogliono condividerla per aiutare chi è indeciso nel processo di acquisto.

Le schede prodotto sono uno strumento potente, devono essere ottimizzate in ottica SEO per essere proposte nelle prime posizioni delle pagine di ricerca: i crawler trovano corrispondenza tra query dell’utente e proposta commerciale, suggerendo i contenuti adatti a soddisfare entrambe le parti.

Social media marketing

I profili social sono parte integrante della vita di molte persone e diffondono notizie e opinioni in ogni settore.

Le aziende che decidono di vendere online devono includere attività di social media marketing nella gestione e-commerce per aumentare le probabilità di raggiungere utenti in target.

I social media permettono di individuare segmenti di pubblico in target e di ottimizzare la comunicazione per adattarsi alle loro aspettative; consentono anche di promuovere interazioni dirette, con contenuti studiati per stimolare l’engagement, raccogliendo dati preziosi che servono per impostare campagne di sponsorizzazione e per l’attività in organico.

Il rapporto costante che si può instaurare tra Brand e follower dipende dalla regolarità con cui vengono pubblicati i post; un calendario editoriale deve prevedere giorni, orari e contenuti studiati in base alle abitudini ed esigenze dei potenziali consumatori.

In questo modo sarà più facile creare connessioni durature e individuare, attraverso la lettura dei commenti, le aspettative degli utenti e pianificare azioni sempre più mirate.

Se questa attività viene associata ad altri canali di comunicazione, sarà in grado di riscuotere maggior successo e di offrire esperienze personalizzate e coinvolgenti.

La visibilità del Brand, inoltre, associata a un tasso di engagement crescente, dà rilevanza agli occhi dei motori di ricerca e favorisce il ranking in SERP in organico.

AI marketing nella gestione Ecommerce

L’intelligenza artificiale applicata al marketing è un elemento distintivo per le aziende che vogliono emergere nel panorama del commercio elettronico.

Può generare benefici in termini economici e di immagine; l’ottimizzazione delle attività necessarie alla gestione dell’ecommerce fa risparmiare tempo alle persone coinvolte e consente di impostare il budget a disposizione per raggiungere performance migliori.

L’AI marketing si applica in tutte le fasi che interessano il lavoro nell’e commerce, quindi coinvolge tutte le figure professionali individuate nel progetto.

Si rivela utile nella creazione e pianificazione di contenuti: articoli per il blog, post per i social, annunci pubblicitari e landing page. I punti di forza:

  • permette di personalizzare i testi per gli utenti in target
  • raccoglie dati sulle preferenze dei consumatori
  • analizza le informazioni in tempi rapidi
  • restituisce report dettagliati e attendibili per impostare tutte le attività

Le analisi effettuate sono anche utili per studiare e monitorare il mercato attuale e individuare i trend in tempo utile per essere pronti a sfruttarle.

Le applicazioni dell’intelligenza artificiale sono numerose e stanno diventando indispensabili per vari aspetti: dalla gestione del magazzino alla comunicazione, si intravedono enormi potenzialità per aumentare le vendite e semplificare le attività da svolgere.

Gestione e-commerce

Come gestire l’e commerce: personalizzare il customer journey per aumentare le vendite

Una strategia vincente per gestire l’e-commerce in modo ottimale prevede la personalizzazione del customer journey.

L’utente è al centro di tutte le attività pianificate e la sua soddisfazione deve essere l’obiettivo primario di ogni business profittevole: un cliente gratificato, infatti, tornerà a comprare dallo stesso Brand se viene contattato periodicamente e la fiducia creata lo spingerà a condividere la sua esperienza, ponendo le basi per altre conversioni.

Diventa quindi indispensabile seguire gli utenti nel loro customer journey, dalla prima visualizzazione fino al contatto post- vendita, creando esperienze individuali che guidano ogni visitatore del sito ecommerce fino alla conversione.

Durante queste fasi ogni Brand ha l’opportunità di distinguersi dai competitor, creando esperienze personalizzate che contribuiscono alla fidelizzazione degli acquirenti acquisiti.

Gestione Ecommerce: le analisi predittive nella pianificazione aziendale

I modelli di comportamento e i dati di analisi raccolti permettono di individuare schemi che si ripetono durante la navigazione degli utenti sul web.

Questi dati, uniti ai trend riscontrati e ai mutamenti sociodemografici sono alla base delle analisi predittive che vengono elaborate dai tool di machine learning.

È possibile implementare strategie innovative nella gestione dell’e-commerce, per proporsi ai potenziali clienti anticipando le loro aspettative e facendo leva sui loro desideri latenti.

Lo studio del comportamento abituale e delle preferenze suggerisce anche i prodotti o servizi che potrebbero essere rilevanti nelle ricerche e si possono così creare messaggi differenziati per ogni segmento di pubblico.

Sarà anche possibile individuare i fattori sui quali far leva per rendere ogni contenuto pertinente ed efficace: attraverso questi stimoli il processo di conversione risulta più naturale.

Anche l’aspetto economico è rilevante: l’ottimizzazione del budget e il monitoraggio costante permettono di fare investimenti accurati; il controllo delle performance, d’altro canto, suggerisce se continuare con le campagne di sponsorizzazione avviate o se apportare delle modifiche.

L’AI marketing porta sicuramente miglioramenti nella gestione ecommerce, contribuendo ad aumentare l’efficienza operativa e ottimizzando gli investimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *