Densità delle Parole Chiave SEO : Cos’è e Come si Calcola e si Gestisce la Keyword Density

La keyword density, o densità di keyword, indica il rapporto keyword – testo in una pagina web, e quindi la proporzione tra un testo web e le ripetizioni della singola key.

Agli inizi della SEO la keyword density era ritenuto un fattore di primaria importanza, al punto che i webmaster si dedicavano a pratiche incontrollate di keyword stuffing, ripetizione ossessiva della keyword senza alcun limite.

Oggi, invece, la keyword density va gestita con criterio, perchè in caso contrario si rischia di incorrere in penalizzazioni.

La formula della keyword density SEO

Per i più pignoli e gli amanti dei numeri, esiste la formula per misurare la Kd di una pagina:

(Nkr/Tkn) * 100

Nkr indica il numero di ripetizioni della keyword, Tkn le parole totali del testo.

Per una keyphrase, invece, abbiamo:

(Nkr * Nwp/Tkn) * 100

Dove Nwp è il numero di parole che compongono la frase.

Esempio: dobbiamo indicizzare un testo con la chiave “scarpe”. L'articolo è lungo 250 parole, e “scarpe” ricorre 5 volte nel testo. Avremo:

5/250 x 100 = 2.

Ovvero una Kd del 2% (significa che il 2% del testo è “composto” dalla keyword).

A cosa ci servono queste formule? Probabilmente a poco. Il senso del discorso, infatti, è un altro: usare con parsimonia e buonsenso le keywords, ben contestualizzate e soprattutto all'interno di un campo semantico molto ricco, ci darà ben altri risultati.

Usare bene la keyword density nella SEO

Ma qual'è il modo giusto di utilizzare la keyword density? Gli esperti consigliano una Kd dall'1 al 3% rispetto alla lunghezza del testo originale. Tuttavia non è solo sulla densità che dovrebbe focalizzarsi il lavoro di un buon SEO.

Un testo che punta sulla densità, oggi, è ben poca cosa rispetto a un contenuto ben scritto e ricco di sinonimi, termini affini e parti ben argomentate.

Chi bazzica il web conosce bene la sensazione di artificiosità legata a testi scritti solo per la SEO,

“meccanici” e noiosi. E farebbe meglio ad evitare questa cattiva pratica.

Non è sufficiente, infatti, infarcire un testo di keywords. Oggi Google ha un'intelligenza molto più raffinata, ed è “allenato” a riconoscere i testi di valore analizzando anche il campo semantico dell'argomento e quindi le relative entità, la rete di relazione tra gli elementi citati nel testo.

Per non sfociare in soggetti troppo complessi, ecco le raccomandazioni per utilizzare bene la keyword density nel testo:

Non eccedere in ricorrenze della keyword;

  • Inserire la prima ricorrenza nelle prime 70 parole;
  • Utilizzare molti sinonimi ed espressioni affini, ma sempre in numero inferiore alla keyword principale;
  • Utilizzare le keyword a centro frase;
  • Prediligere una scrittura naturale, di qualità, quindi informativa e non meramente ripetitiva;
  • Inserire link di qualità (pochi) a siti autorevoli;
  • Utilizzare le keyword negli anchor text ma con qualche variante;
  • Utilizzare le keyword soprattutto come soggetto nella frase;
  • Analizzare la keyword density sui siti dei primi competitor su Google per la key ricercata;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

CLOSE

 ►►

Fermati!

Scarica

Gratis ora!

UN REGALO PER TE!

 

Compila i campi di seguito e scarica il tuo regalo gratis!

↓↓↓↓↓↓↓↓↓↓↓↓