Competitor analysis

Competitor analysis: come identificare le opportunità di crescita

La competitor analysis, ovvero analisi della concorrenza, permette di individuare i competitor e le loro strategie di marketing adottate, al fine di avere una visione realistica e completa del mercato in cui si opera.

La correlazione tra competitor analysis e customer analysis indica il modo in cui i clienti si approcciano al tuo Brand e alle altre proposte commerciali, con un’attenzione rivolta ai miglioramenti che puoi apportare per aumentare la soddisfazione del cliente.

I dati che emergono da queste analisi sono preziosi per ottimizzare il customer journey dell’utente e fornire un’esperienza conforme alle sue aspettative e quindi gratificante.

Lo specialista che svolge questa professione in azienda è detto customer e competitor analyst: il suo ruolo è fondamentale quando si vuole emergere nell’ecosistema digitale puntando sui dati che rispecchiano il mercato e le sue tendenze.

Competitor analysis: cos’è e perché è utile

Ogni realtà digitale deve essere consapevole della sua posizione sul mercato e per fare questo deve anche avere una visione globale per capire quali sono i suoi punti di forza e di debolezza.

Ecco perché la competitor analysis è importante: consente di individuare gli elementi che devono essere potenziati per non essere scartati dai consumatori finali e quelli che sono elementi distintivi che conferiscono un certo grado di autorevolezza.

Quando si opera in un panorama con diversi Brand occorre fare paragoni di continuo, imparando dalle strategie vincenti dei concorrenti diretti e studiando gli errori che possono compromettere sia l’immagine aziendale che tutti gli sforzi pianificati per far crescere un’azienda.

Ogni competitor analysis deve essere personalizzata in base alle proprie esigenze: è indispensabile conoscere il mercato in generale, ma occorre concentrarsi sul proprio prodotto o servizio e sulla nicchia di utenti alla quale ci rivolgiamo.

I dati acquisiti da una competitor analysis dettagliata consentono di implementare strategie aziendali più forti e mirate, distinguersi dai concorrenti e acquisire nuove quote di mercato. Sono utili anche a chi deve pianificare i contenuti per tutti i canali di comunicazione, per renderli più personalizzati e performanti.

Possiamo individuare tre settori di approfondimento, che riguardano l’analisi nel suo complesso:

  • Intelligence
  • Marketing
  • Pricing

Competitor intelligence analysis

Raccoglie e studia le informazioni relative ai concorrenti di un’azienda; il suo lavoro permette di avere una comprensione approfondita del panorama competitivo per migliorare il posizionamento del Brand:

  • Raccolta di dati – si tratta di un processo continuo che comprende le notizie, i comunicati stampa e tutto quello che è pubblico
  • Analisi competitiva – fa un bilancio dei punti di forza e di debolezza e permette un confronto realistico e costruttivo
  • Monitoraggio delle tendenze – l’analisi non si ferma mai, per individuare con tempestività i nuovi trend e il modo in cui i concorrenti si approcciano

Questo tipo di analisi consente di prendere decisioni informate e di acquisire o mantenere un vantaggio competitivo che garantisce più visibilità.

Competitor marketing analysis

Si concentra sulle strategie di marketing adottate dagli altri Brand operanti sul mercato; le tattiche adottate possono suggerire delle azioni da intraprendere perché riscuotono successo, oppure evidenziare errori di comunicazione che devono essere corretti:

  • Analisi delle campagne pubblicitarie – ogni tipo di messaggio deve essere approfondito, considerando anche la piattaforma attraverso la quale viene veicolato
  • Monitoraggio delle attività sui profili social – occorre visualizzare con occhio critico i contenuti condivisi e verificare l’engagement, il numero di follower e captare gli elementi che risultano più performanti
  • Ricerca delle keyword in ottica SEO – l’analisi delle parole chiave in cui un competitor è forte mostra il divario dal proprio Brand e suggerisce la pianificazione di attività per scalare la SERP

I dati ricavati aiutano la pianificazione delle attività di marketing e consentono di individuare opportunità strategiche.

Competitor pricing analysis

Il prezzo è uno dei fattori che porta un utente a scegliere dove acquistare, quindi pianificare delle strategie e delle promozioni può rivelarsi una scelta di successo; occorre però calcolare sempre una marginalità che porti dei profitti, indispensabili per la sopravvivenza nel lungo periodo:

  • Studio delle strategie di pricing – ogni azienda punta su fattori diversi per favorire il suo posizionamento, le strategie di prezzo identificano delle opportunità per emergere
  • Percezione del valore – valutare il modo in cui gli utenti percepiscono il valore del prodotto in rapporto al prezzo
  • Reazioni ai cambiamenti di prezzo – esaminare le reazioni di concorrenti e utenti quando si applicano delle variazioni di prezzo

    Il monitoraggio del pricing permette di essere allineati al prezzo medio proposto sul mercato e di pianificare delle proposte vantaggiose nel lungo periodo.

    Come sfruttare i dati della competitor analysis

    Il panorama digitale è in continua evoluzione e propone nuove sfide che sono opportunità di crescita per il tuo business.

    Per cogliere ogni possibilità occorre essere informati e saper utilizzare i dati raccolti. I report che si basano sulla competitor analysis hanno validità in un contesto temporale ridotto, ogni nuova tattica implementata dai concorrenti cambia lo scenario e costringe a modificare le decisioni prese.

    Il lavoro del customer e competitor analyst serve a tutti i reparti che sono coinvolti nella pianificazione della comunicazione: la conoscenza del mercato in cui si opera permette di essere consapevoli degli aspetti positivi e negativi di un Brand.

    Customer analysis

    Customer analysis: comprendere i tuoi clienti per migliorare la tua attività

    La customer analysis, rapportata alla competitor analysis, apporta dati rilevanti per esaminare il mercato di riferimento in modo approfondito e per visualizzare il percorso dei consumatori rispetto alle varie aziende presenti.

    Misurare l’engagement, insieme alle conversioni e ai feedback, mostra l’atteggiamento dell’utente e si possono cogliere dettagli utili per attuare strategie vincenti e rimanere competitivi.

    L’aspetto rilevante in ogni attività è la soddisfazione del cliente, che può fare la differenza nella scelta finale, garantendo un’esperienza intuitiva, completa e gratificante sotto tutti i punti di vista.

    Ci sono degli aspetti da considerare di primaria importanza, per poter fare una valutazione corretta.

    Analisi del target

    Consiste nell’individuare gli elementi caratteristici degli utenti in target, cioè potenzialmente interessati: dati demografici, comportamento online, abitudini di acquisto e aspettative in generale.

    Con questi dati è possibile disegnare i clienti che scelgono un prodotto o servizio e capire in quale modo attirarli verso la tua proposta commerciale.

    Sono dati preziosi per impostare delle campagne di comunicazione, sia in organico che tramite sponsorizzazione.

    Infatti, facendo leva sui bisogni e sulle necessità degli utenti, sarà possibile stimolare una reazione emotiva e mandare un messaggio personalizzato che spinge all’azione.

    Le interazioni sono una metrica diretta che testimoniano l’interesse, ma ci sono anche KPI come il tasso di engagement, il tasso di conversione e quello di abbandono che fanno capire se la direzione è quella giusta.

    Customer journey

    Il percorso che porta un utente a diventare cliente, seguito dalla fidelizzazione, è complesso e si può brevemente descrivere in cinque fasi: awareness, consideration, conversion, retention e advocacy.

    Ogni momento rispecchia uno stato d’animo del consumatore e un relativo comportamento dell’azienda. Sapere come si sente l’utente e come percepisce le strategie messe in atto porta il vantaggio di poter ottimizzare il customer journey e facilitare le conversioni.

    I profili dettagliati permettono di compiere azioni mirate che riscuotono più successo e di indirizzare i clienti verso gli obiettivi prefissati; i servizi e i prodotti possono essere migliorati per rispondere alle esigenze dei clienti e aumentare la loro soddisfazione.

    Analizzare ogni fase permette di ottimizzare l’esperienza del cliente e di aumentare i ricavi derivanti dalle vendite; il confronto del customer journey, con un paragone tra l’esperienza con la propria azienda e gli altri Brand, consente di rilevare punti deboli e intervenire per migliorare la propria posizione competitiva.

    Analisi predittive

    Le analisi predittive usano modelli matematici per prevedere i comportamenti futuri dei clienti. Si basano su dati ed esprimono valori in percentuale.

    Possono però identificare delle abitudini che precedono eventi come l’abbandono del carrello, o del sito internet, oppure una maggiore propensione all’acquisto.

    La customer analysis cerca di individuare gli elementi che portano a questi momenti, anticipando quelli negativi e spingendo su quelli che hanno effetti positivi, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza del cliente.

    I benefici possono essere maggiori ricavi, fidelizzazione dei clienti e una comunicazione più trasparente che si riflette sull’immagine aziendale.

    Customer analitics

    Dalla competitor analysis alla customer satisfaction: come ottimizzare l’esperienza dell’utente

    La competitor analysis raccoglie dati che servono all’azienda per migliorare le proprie strategie di comunicazione, per raggiungere più clienti in target e realizzare più profitti.

    Le attività che conseguono sono rivolte agli utenti e apportano benefici al loro percorso d’acquisto, alla loro esperienza e quindi anche al Brand.

    In ultima analisi, gli aspetti postivi devono ricadere maggiormente sui consumatori finali, perché dal loro interesse dipende il successo dell’azienda.

    Quindi, si può affermare che questi dati analitici permettono di ottimizzare l’esperienza dell’utente e di far crescere un’attività digitale.

    Con la competitor analysis si può anche fare una previsione di costi per advertising e delle ipotesi di ricavi, pianificando degli investimenti e monitorando l’andamento delle campagne e delle varie attività in atto.

    La misurazione della soddisfazione del cliente rimane comunque una delle metriche più importanti sulla quale basare ogni strategia di marketing.

    Customer satisfaction: significato e importanza in ogni strategia di marketing

    L’analisi dei competitor non deve essere superficiale e confrontare solo prodotti e servizi, ma deve esaminare in profondità le aspettative dei clienti e controllare se gli altri Brand riescono a soddisfarle pienamente.

    Se rimangono dei bisogni latenti, c’è spazio per inserirsi, vendere e realizzare profitti.

    Le risposte dei clienti alla comunicazione aziendale e alle proposte commerciali forniscono indicazioni precise sulla loro soddisfazione e permettono di valutare le performance aziendali. Si individuano così le dinamiche che regolano il mercato digitale e l’impatto delle singole azioni che determinano il successo o l’insuccesso di ogni iniziativa.

    La customer satisfaction non si misura solo in numeri come vendite e resi, ma si riferisce anche alla percezione degli utenti, sia dell’immagine aziendale, sia dell’esperienza nella sua totalità.

    Se è positiva si traduce concretamente in una fidelizzazione dei clienti, in recensioni positive e nella costruzione di un Brand solido e affidabile.

    Se è negativa nuoce all’immagine aziendale, crea feedback negativi e porta alla perdita di clienti, che nel lungo periodo può peggiorare.

    Un cliente soddisfatto rispecchia il successo delle strategie applicate dall’azienda e dei prodotti o servizi venduti, delineando la strada da seguire per continuare ad avere un vantaggio competitivo. Gli elementi da non sottovalutare:

    • monitoraggio continuo
    • analisi aggiornate
    • ascolto dei clienti
    • anticipazione delle tendenze

    Customer care analyst per migliorare l'esperienza del cliente

    Il servizio clienti è fondamentale per garantire un’esperienza positiva al cliente che si rivolge al tuo Brand, quindi la figura che si occupa di analizzare il suo operato è cruciale per ottimizzare la customer satisfaction.

    Occorrono competenze analitiche per identificare, analizzare e risolvere le problematiche che si presentano, ma soprattutto serve proattività per evitare gli eventi negativi che possono determinare l’allontanamento dei clienti.

    Il contatto diretto con gli operatori del customer care permette di monitorare in tempo reale il rapporto con i clienti in tutte le sue fasi: primo contatto, richiesta di informazioni pre vendita, feedback, fino al contatto post vendita che permette di instaurare relazioni durature.

    Questa posizione consente di evidenziare sia le criticità della transazione, sia i dubbi e le domande più frequenti degli utenti. Questi dati, trasmessi agli specialisti della comunicazione, possono diventare un punto di forza in campagne future per annullare qualsiasi problematica e facilitare le transazioni.

    La possibilità di interagire con il cliente evidenzia anche la percezione del Brand dall’esterno, mostrando quanto sia vicina alle aspettative e proponendo soluzioni per garantire un’esperienza gratificante.

    Come iniziare una competitor analysis?

    Per iniziare da zero una competitor analysis, basta effettuare una semplice ricerca su internet: digitando le keyword che identificano il tuo Brand, avrai una lista di aziende che si posizionano come concorrenti.

    Tra queste puoi selezionare quelle che hanno un prodotto molto simile al tuo e fare un’analisi accurata della loro comunicazione su tutti i touchpoint che utilizzano: avrai a disposizione dati preziosi e inizierai a fare un confronto con il tuo modo di essere imprenditore.

    Devi concentrarti principalmente sul prodotto, prezzo e sulle promozioni attuate; inoltre, è importante capire come gli utenti preferiscono interagire e quali strategie siano performanti.

    Un altro aspetto che diventa elemento distintivo è la percezione dell’utente, che deriva anche dal rapporto instaurato e che si costruisce con impegno, costanza e attenzione continua.

    Questo è il punto di partenza per la pianificazione di nuove strategie, che possono evidenziare opportunità di differenziazione. La pianificazione degli obiettivi da raggiungere e un approccio dinamico aiutano a fornire una panoramica approfondita e a sviluppare nuove modalità di comunicazione.

    Deve essere un processo continuo, da effettuare ogni volta che si intravede un cambiamento nel mercato o nei consumatori, utile per aggiornare le proprie strategie e rimanere competitivi. Permette di valutare gli standard del settore ma soprattutto fornisce elementi utili per superarli, nell’ottica di avvicinarsi sempre di più alle aspettative dei clienti e soddisfare tutte le loro necessità.

    Sarai in grado di formulare una proposta di valore, che si distingue dai concorrenti e di pianificare una comunicazione efficace e adeguata, basata su decisioni aziendali strategiche. Inoltre, i parametri di riferimento saranno utili per valutare i tuoi progressi e far crescere il tuo progetto.

    2 commenti su “Competitor analysis: come identificare le opportunità di crescita”

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *