Alibaba VS Amazon: Battaglia Tra Colossi

Alibaba vs Amazon

Alibaba VS Amazon: una battaglia fra colossi dell’e-commerce che sembra destinata a proseguire ancora per tanto tempo, nonostante si tratti di due modelli molto diversi, caratterizzati da alcune precise specificità. Ma se il settore dello shopping online fosse un ring di pugilato, quale dei due pesi massimi avrebbe la meglio sull’altro?

Purtroppo, un confronto Alibaba VS Amazon non è poi così semplice da ipotizzare. Lo è in termini di numeri, considerando i miliardi di euro di fatturato e le centinaia di milioni di clienti acquisiti, per non parlare poi della crescita annua, che sembra davvero inarrestabile. Di contro, si tratta di due eco-sistemi molto diversi: Amazon non è Alibaba, e viceversa Alibaba è molto più simile alle strutture di vendita di Ebay, per via del fatto che si discosta dalle logiche del distributore per abbracciare quelle del puro marketplace.

Alibaba VS Amazon: distributore VS marketplace

La prima differenza fra Alibaba e Amazon, e probabilmente anche la più importante in assoluto, è la struttura di vendita. Come ti abbiamo già accennato in precedenza, Amazon e Alibaba sono lontani anni luce sotto questo punto di vista: Amazon è un distributore, mentre Alibaba è un marketplace. Ma cosa significa, in soldoni? Un distributore come Amazon si occupa in prima persona dell’acquisto della merce, del suo stoccaggio e della spedizione di quanto venduto tramite la sua piattaforma, al punto che il 50% dei prodotti venduti sul suo e-commerce avviene secondo questo sistema. Poi, Amazon è anche uno sconfinato magazzino con una struttura logistica che permette ai suoi venditori indipendenti di stoccare lì le proprie merci e sfruttare direttamente il sistema di spedizione dell’e-commerce.

Alibaba: cos’è e come funziona questa piattaforma?

Un confronto Alibaba VS Amazon non può prescindere dal raccontare cos’è Alibaba e come funziona. Parliamo innanzitutto di un marketplace: questo significa che la piattaforma e-commerce cinese non agisce da distributore come Amazon, ma da intermediario. La sua funzione è quella di mettere in contatto i venditori con i clienti, proprio come fa un’altra classica piattaforma di commercio elettronico come Ebay: il che significa che non si occupa di magazzini, di spedizioni né tanto meno di acquisti e vendite dirette di stock di prodotti. Fra le altre cose, il modello di business di Alibaba è segmentato su diverse fasce di utenze: TaoBao è un sistema Consumer to Consumer con un pubblico enorme, che non chiede commissioni ma che realizza guadagni da capogiro con le inserzioni pubblicitarie, mentre Tmall (modello B2C) porta guadagni a livello di percentuali sulle vendite.

Amazon VS Alibaba: chi vince la battaglia fra colossi?

Non esiste un vincitore, e probabilmente la questione è destinata a protrarsi ancora a lungo, considerando che i due colossi dell’e-commerce continuano a darsi quotidianamente battaglia. Ad esempio, l’ultimo settore che entrambi stanno cercando di invadere è quello della moda e del fashion: Amazon ha già firmato un accordo con la Nike, mentre Alibaba (con Tmall) sta consentendo ai brand di moda di aprire e di gestire un negozio elettronico tutto loro. Anche in questo caso, due approcci molto diversi.

Consigli per usare Alibaba per il tuo e-commerce

Alibaba può essere una ottima leva per poter dare una marcia in più al tuo e-commerce, permettendoti di acquistare all’ingrosso dei prodotti che potresti poi rivendere sul mercato nazionale e internazionale (ne abbiamo parlato tante volte su queste pagine!).

Ma quali sono i migliori consigli per poter utilizzare in modo più efficace Alibaba?

Accerta la disponibilità del prodotto

La prima cosa che ti consigliamo di fare è, quando si tratta di comunicare con i vostri fornitori, non dare mai per scontate le disponibilità dei prodotti.

Spesso, infatti, il sito web di un fornitore non è aggiornato e alcuni fornitori sono migliori di altri nel mantenere attive le loro offerte online. Purtroppo le carenze di fornitura possono verificarsi in qualsiasi momento (anche dopo la ricezione di un campione!) e dovresti dunque sempre monitorare la disponibilità, chiedendo e confermando tale informazione prima di ordinare – e soprattutto di pagare – qualsiasi campione.

Chiedi se ci sono nuovi prodotti che non sono attualmente visualizzati online e/o se ci sono prodotti esposti online che non sono più disponibili.

Non lasciarti intimidire dal fornitore

Alcuni fornitori risponderanno ai tuoi contatti in modo rapido e amichevole, rafforzando la bontà della relazione. Ma altri potrebbero sembrare un po’ più freddi, o non ben disposti a sforzare di comprendere le tue esigenze.

Per la maggior parte dei rapporti, le competenze scritte in inglese dei fornitori cinesi saranno piuttosto buone. In alcuni casi, però, non sarà così.

Ricorda che i venditori cinesi sono persone, esattamente come te. Dunque, non aver paura di iniziare una conversazione e di domandare chiarimenti e precisazioni se qualcosa non ti è chiaro.

Fidati del tuo istinto

Alcuni fornitori sono… quasi troppo amichevoli. E questo è probabilmente dovuto alle differenze culturali che esistono. Tuttavia, alcuni sono davvero troppo insistenti, e finiranno con il contattarti periodicamente dopo aver rifiutato esplicitamente o detto no 3 – 4 volte.

Ora, sebbene la maggior parte delle persone che assumono questo atteggiamento magari hanno buone intenzioni, in realtà in altri casi potrebbe essere una spia di qualcosa che non va.

Insomma, fidati del tuo istinto. Dai sempre alle persone il beneficio del dubbio, ma non dimenticare di pensare sempre con la giusta attenzione e scrupolo. Insomma, se stai cercando un venditore di borse in pelle su Alibaba, e il venditore sta cercando di rifilarti le sue contattandoti per 10 volte in 5 giorni, forse è il tempo di premere il pulsante spam.

Cerca di essere il più specifico possibile

Personalizza le richieste del tuo fornitore per specifiche categorie di prodotti. Questo potrebbe sembrare un suggerimento fin troppo ovvio, ma è importante essere molto specifici fin dall’inizio su ciò che si sta cercando di acquistare, compresi i tipi di prodotti, i materiali, le dimensioni, i colori, ecc.

Come esempio nel paragrafo precedente, se stai cercando una precisa varietà di borse, invia una e-mail iniziale ad un fornitore specializzato in pelle, includendo foto dei prodotti e dei modelli desiderati e ogni informazione utile per accorciare i tempi di comunicazione. In caso contrario, potresti ricevere un prodotto o materiale diverso.

Insomma, cerca di essere molto specifico e chiedi sempre al venditore di confermare le specifiche del prodotto prima della produzione e della spedizione.

Accertati che quel che vedi sarà quel che otterrai

Su Alibaba non sempre quel che ti viene mostrato coinciderà al 100% con quel che riceverai. Ci saranno dunque alcune occasioni in cui i campioni che riceverai… non saranno i campioni ordinati.

Cerca dunque di condividere tutti i dettagli con il tuo venditore, accertandoti che i prodotti che ti invierà non siano diversi da quelli ordinati.

Non aver paura di cercare le responsabilità del venditore, e di domandare sempre dei chiarimenti, volta per volta. Richiedi inoltre sempre foto dei campioni prima del pagamento.

Paga con strumenti tracciabili

La maggior parte dei fornitori cinesi ti permetterà di pagare tramite PayPal. Alcuni hanno PayPal ma non te lo diranno a meno che tu non lo chieda (se questa è la tua volontà, assicurati di domandarlo!).

In realtà, però, con la maggior parte dei fornitori potrai anche pagare mediante bonifico bancario.

In ogni caso, usa uno strumento tracciabile che possa permetterti di monitorare il pagamento e di recuperare la sua storia informativa. Se decidi di pagare tramite bonifico bancario, assicurati e fatti confermare di avere le esatte informazioni sulle coordinate. Informati con la tua banca di quanto potrebbe costarti, considerato che a volte i bonifici esteri vengono tariffati in modo salato dagli istituti di credito.

Richiedi sempre dei campioni

I campioni sono un investimento fondamentale per la tua attività. E sebbene l’acquisto di campioni possa apparentemente sembrare scoraggiante, assicurati sempre di richiederlo e di considerare le cose nella giusta prospettiva.

Non aver mai paura di spendere soldi per i campioni, perché la loro importanza è davvero essenziale: devi infatti sapere cosa stai vendendo prima di poterlo vendere ai tuoi clienti, e imparerai molto nel processo di richiesta e di analisi dei campioni. Cerca di essere prudente, a seconda del vostro budget, ma non saltare mai questo procedimento.

Un piccolo consiglio? Chiedi ai tuoi fornitori quali sono i loro 5 prodotti migliori in termini di vendite. Prenditi il tempo utile di trovare i prodotti che ti piacciono di più, perché molto probabilmente ci saranno più prodotti che vorrai vedere di persona rispetto a quelli per cui sei disposto a pagare. Scegli i migliori in base alle foto, alle descrizioni dei prodotti e alle raccomandazioni del venditore.

Manifesta il tuo senso di organizzazione

Nelle tue e-mail ai venditori, usa la parola “noi” invece di “io” e “nostro” invece di “mio”. È un piccolo trucco per poter far sembrare la tua azienda più grande di quanto magari non lo sia, ma anche in grado di mostrare un senso di lavoro di squadra e di unità.

Ti permetterà di trasferire al tuo venditore di potenziale riferimento un senso di maggiore organizzazione e di credibilità. Prova a tenerlo a mente, la prossima volta che invii un’e-mail a un venditore!

Impara la differenza tra produttori e intermediari

In generale, è abbastanza facile capire se un venditore controparte sia un produttore o un intermediario (grossista / rivenditore). Basterà scambiare qualche e-mail con loro per capire che padronanza hanno del loro prodotto, o se sono semplicemente degli intermedi di import / export.

Insieme alle cose più ovvie come le differenze di prezzo, le società che operano come intermediari del commercio internazionale hanno generalmente un approccio di vendita più invadente, mentre i produttori sembrano più desiderosi di costruire un rapporto di lungo termine, e sostenibile.

Questo però non significa che tu debba necessariamente comprare dai secondi, evitando i primi!

All’inizio, infatti, potrebbe essere invece preferibile acquistare proprio dalle società di intermediazione, perché offrono quantità minime d’ordine inferiori rispetto ai produttori.

Non dimenticare mai, tuttavia, che i prezzi FOB unitari saranno più alti con le società di intermediazione, e che potrebbe esserci una maggiore possibilità di complicazioni, come l’esaurimento delle scorte, che invece raramente sperimenterai con un buon produttore.

In ogni caso, cerca sempre di sapere con chi hai a che fare in termini di tipo di fornitore, e i pro e i contro di lavorare con un produttore, piuttosto che con una società di intermediazione commerciale.

Cura gli aspetti della spedizione

La maggior parte dei fornitori imposterà la spedizione per voi e tutto quello che dovrai fare è fornire il tuo indirizzo di spedizione e il tuo numero di telefono per la conferma. Naturalmente, il nostro consiglio è quello di pianificare con esattezza quali sono i costi di un simile intervento, e negoziarlo accuratamente: in realtà, infatti, la spedizione potrebbe costarti di più rispetto al costo dei campioni effettivi.

Inoltre, è una buona idea confermare le spese di spedizione prima di pagare per i campioni. Alcuni venditori uniranno i due costi insieme, mentre altri li separeranno. Pretendi sempre la massima trasparenza.

Ad ogni modo, permettici di ricollegare le nostre valutazioni a quanto sopra abbiamo già rammentato: la spedizione dei campioni può essere effettivamente costosa, ma se questo ti preoccupa ricorda pur sempre che i campioni (inclusa la spedizione) sono un investimento, e non necessariamente un costo a perdere.

In ogni caso, un altro suggerimento che ti diamo è quello di non aspettare sempre fino all’ultimo secondo per impostare la spedizione. Come regola empirica, prima di contattare qualsiasi fornitore, configura il tuo conto di spedizione con UPS, FedEx ed eventualmente DHL. Puoi farlo online e ti permetterà di essere sufficientemente preparato nel momento in cui negoziera il costo della spedizione.

Speriamo, con questi brevi e semplici suggerimenti, di averti fornito alcuni spuni per poter valutare più correttamente la tua presenza su Alibaba, una vera e propria miniera di opportunità per chi vuole fare e-commerce ma, di contro, anche un mare di potenziali fregature. Meglio pertanto avvicinarsi alle possibili forniture su Alibaba con i piedi di piombo, al fine di prendere a piene mani le prime, ed evitare quanto più possibile le seconde.

Prova a parlarne con la nostra community di esperti e di lettori usando lo spazio dei commenti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

CLOSE

 ►►

Fermati!

Scarica

Gratis ora!

UN REGALO PER TE!

 

Compila i campi di seguito e scarica il tuo regalo gratis!

↓↓↓↓↓↓↓↓↓↓↓↓