3 App per Migliorare la SEO del tuo Store su Shopify

Se hai uno store su Shopify e vuoi migliorare la SEO del tuo ecommerce, esistono diverse app che potrebbero fare al caso tuo. E, peraltro, trovarle e selezionare quella che potrebbe essere più utile per dare una marcia in più al tuo progetto online non è affatto difficile: ti sarà infatti sufficiente accedere al sito internet apps.shopify.com, e dirigerti nell'area Marketing, dove trovi decine di opportunità che potrebbero essere utili alle tue finalità.

Ad ogni modo, per poter semplificare la tua ricerca, abbiamo pensato di selezionare 3 app che ti consigliamo di provare, e che potrebbero realmente migliorare la visibilità del tuo progetto sui motori di ricerca!

SEO Manager

Cominciamo con quella che è probabilmente la migliore app che troverai per le tue finalità SEO! SEO Manager ti permette infatti di sviluppare positivamente la tua presenza sui motori di ricerca (Google, Yahoo e Bing) anche senza disporre di profonde conoscenze in tema di search engine optimization. Dispone di oltre 20 pratiche funzionalità che ti consentiranno di avere un miglior controllo sulla SEO del tuo sito, con risultati tendenzialmente misurabili già dal primo mese.

L'app è disponibile in abbonamento a 20 euro al mese, con i primi 7 giorni di prova gratuiti.

Disponibile qui.

SEO Expert Pro

SEO Expert Pro è un'app per Shopify che ti permetterà di migliorare la struttura del tuo sito e di automatizzare alcune funzionalità in maniera tale che siano rispondenti in modo più positivo ai gradimenti dei principali motori di ricerca. L'utilizzo di questa app è mediamente alla portata anche degli utenti con minori conoscenze tecniche, che potranno comunque ottenere delle pratiche “guide” per efficaci risultati.

Il costo di SEO Expert Pro è pari a 9,99 dollari al mese, con periodo di prova gratuito di 7 giorni.

Disponibile qui.

Smart SEO

L'obiettivo dichiarato di Smart SEO è quello di permettere a tutti i titolari degli store Shopify di poter risparmiare del tempo nell'ottimizzazione SEO del proprio negozio. Il tutto avverrà mediante diverse funzionalità abbastanza “tradizionali” per app di questa categoria (come ad esempio l'automatizzazione di meta tags e alt tags), che tuttavia in Smart SEO sono proposte in modo ancora più semplice.

Il suo costo è piuttosto competitivo rispetto ai concorrenti: può infatti essere utilizzato con un abbonamento di 4,99 dollari per mese, e periodo di prova gratuito di 7 giorni.

Disponibile qui.

Se tuttavia non desideri acquistare dei servizi, ma sei alla ricerca di qualche app gratuita, sappi che su Shopify potrai facilmente trovare anche dei software di buona qualità che ti permetteranno di sviluppare una migliore impostazione SEO del tuo sito, partendo magari da alcune specifiche funzionalità.

È ad esempio il caso di SEO Image, che ti fornirà una buona capacità di ottimizzazione delle immagini presenti sul tuo store, o del buon SEO Doctor, disponibile in una versione gratuita (con funzionalità limitate, mentre la versione completa costa 14,99 dollari al mese) che contiene una discreta gamma di features che potrai essere in grado di apprezzare per la conduzione ordinaria del tuo sito, riservandoti poi la possibilità di passare alla versione full o ad altre app a pagamento!

shopify

10 consigli per migliorare la SEO su Shopify

Nelle righe di cui sopra abbiamo introdotto alcuni concetti utili su come puoi migliorare la SEO di Shopify con qualche app. Nei prossimi paragrafi vogliamo tuttavia fornirti 10 pratici consigli condivisi da ahrefs.com qualche tempo fa, e che riteniamo possano essere ancora molto validi. Buona lettura!

Crea una struttura logica del sito

Una buona struttura del sito aiuta i tuoi utenti a navigare tra i tuoi contenuti più facilmente. Aiuta anche i motori di ricerca a capire il tuo sito e, dunque, aiutarti a raggiungere un ranking più alto nella SERP.

Ma come si crea una buona struttura del sito? È, in estrema sintesi, tutta una questione di gerarchia; le tue categorie principali dovranno essere al primo posto, e saranno seguite da sottocategorie e da prodotti.

Ricorda che in Shopify, le pagine delle categorie sono chiamate “Collections” e le pagine dei prodotti sono chiamate “Products”. Per creare una pagina di categoria vai dunque nella sezione apposita e clicca sul pulsante di creazione. Per creare una pagina prodotto, vai su Prodotti > Tutti i prodotti, quindi fai clic su “Aggiungi prodotto”. Mentre crei la pagina del prodotto, assicurati di aggiungerla alla categoria precedentemente creata.

Ti ricordiamo poi che Shopify non distingue tra categorie e sottocategorie. Se dunque vuoi creare una pagina di sottocategoria, devi creare delle pagine di “raccolta” e annidarle all'interno di una gerarchia nel menu.

Fai una ricerca per parole chiave

Una volta che la struttura del sito è pronta giunge il momento di trovare e mappare le parole chiave per le pagine dei tuoi prodotti e delle categorie. Questo processo può essere fatto con diversi strumenti online e, gratuitamente, anche su Google: dovrai andare sul motore di ricerca e digitare una parola o una frase che descriva la tua pagina. Se le pagine in cima alla classifica sono simili alle tue, guarda i loro tag di “titolo” per cercare di dedurre le parole chiave a cui puntano.

In ogni caso, questo metodo è tutt'altro che infallibile  e, soprattutto, è molto macchinoso. Ecco perché ti consigliamo di ricorrere ad alcuni strumenti di ricerca di parole chiave, come quelli che più volte abbiamo avuto modo di commentare su queste pagine.

In linea di massima, qualsiasi software tu voglia usare, cerca di preferire le parole chiave con il volume di ricerca più alto  e cerca di curare l’attinenza dei contenuti della tua pagina con quello che gli utenti stanno realmente cercando, aiutandoti a creare la struttura del tuo testo con le long tail di maggiore riferimento.  Rammenta infatti che Google vuole mostrare i risultati più rilevanti ai suoi utenti!

Ottimizza titoli, metadescription e URL

Ora che hai una struttura del sito e sai per quali parole chiave e termini ottimizzare le pagine, è il momento di implementare questi risultati!

Puoi certamente iniziare ottimizzando i tag dei titoli, le metadescription e gli URL delle tue pagine di prodotti e categorie. Modificarli è abbastanza facile con Shopify: basterà scegliere una delle tue pagine di categoria o di prodotto, scorrere verso il basso e vedere l’anteprima sui motori di ricerca. Clicca poi sul tasto di modifica dei dati SEO per poter variare i metadati.

In tale ambito, ci sono alcune buone pratiche che dovresti seguire, come:

  • scrivere un titolo e una meta description univoca per ogni pagina;
  • includere la parola chiave di destinazione dove appropriato;
  • evitate di troncare i testi, ma seguire le raccomandazioni sul numero di caratteri in Shopify;
  • creare titoli e altri elementi che siano degni di essere cliccati;
  • cerca di essere breve ma descrittivo.

Scrivi descrizioni accurate dei prodotti

Quando crei pagine di prodotti o categorie, Shopify ti darà la possibilità di scrivere una descrizione, e questo elemento è molto più importante di quanto tu possa immaginare!

I motori di ricerca utilizzano infatti le descrizioni dei prodotti per capire meglio di cosa parla la tua pagina, aiutandoti così a raggiungere un posizionamento migliore.

Non solo, ma una buona descrizione del prodotto può anche invogliare un utente ad acquistare. E questo vale anche se stai vendendo un prodotto di terze parti, in quanto puoi sempre creare descrizioni uniche che si allineano con il tuo marchio.

Purtroppo, la maggior parte dei negozi non presta sufficiente attenzione a questo aspetto, o semplicemente copia le descrizioni dei prodotti dai siti web dei produttori (male!).

shopify

Assicurati che il tuo sito si carichi velocemente

Google da tempo ha annunciato che la velocità di caricamento dei contenuti della pagina è un fattore di ranking molto importante e, dunque, anche per questo mtoivo dovresti fare uno sforzo per mantenere il tuo sito con una discreta velocità, che puoi peraltro controllare usando strumenti gratuiti come Google PageSpeed Insights.

Tuttavia, è anche vero che dato che stai usando i server di Shopify, le tue opzioni per migliorare la velocità delle pagine sono in qualche modo limitate. Ma questo non significa che non puoi fare assolutamente nulla!

Ricorda ad esempio che:

  • quando scegli un tema, dovresti sceglierne uno che sia veloce. In generale, se utilizzi i temi dello Shopify Theme Store, dovresti essere a posto, mentre potrebbero esserci dei problemi se usi temi di terze parti;
  • comprimi le tue immagini. Usa applicazioni  per ridurre le dimensioni delle tue immagini senza perdere troppo in qualità prima di caricarle su Shopify;
  • installa solo le app di cui hai bisogno. La maggior parte delle app scaricate tramite lo Shopify App Store aggiungono codice al tuo negozio, e questo può rallentare le prestazioni del tuo sito.

Aggiungi testo alt alle tue immagini

Anche se molte persone sottovalutano tale aspetto, Google Immagini è il secondo motore di ricerca più importante del mondo e rappresenta circa il 20% di tutte le ricerche! Ma perché dovresti tenerlo a mente? In sintesi, perché puoi ottenere traffico da Google anche attraverso le immagini!

Il modo più pratico per farlo è quello di aggiungere un testo alternativo alle tue immagini. Il testo alt (testo alternativo) descrive un'immagine e aiuta Google a capire di cosa si tratta. Per poterlo aggiungere carica un’immagine e poi clicca su “Modifica testo alt”.

A questo punto, cerca di scegliere un testo alternativo concentrandoti sulla creazione di contenuti utili e ricchi di informazioni che utilizzino le parole chiave in modo appropriato, e che si inseriscano nel contesto del contenuto della pagina. Evita di riempire gli attributi di alt con parole chiave, poiché ciò comporta un'esperienza utente negativa e può far sì che il tuo sito venga visto come spam.

Risolvi problemi di duplicazione dei contenuti

Shopify permette di indicizzare due versioni del tuo dominio: il tuo dominio personalizzato e la versione myshopify del tuo dominio.

Attenzione! Questo potrebbe causare problemi di duplicazione dei contenuti, poiché il contenuto sia sul dominio custom che su quello myshopify è di solito lo stesso!

Fortunatamente, non è qualcosa di cui ci si debba necessariamente preoccupare. Quando aggiungi il tuo dominio personalizzato per Shopify, la piattaforma dovrebbe infatti automaticamente reindirizzare il traffico al tuo dominio primario.

Dunque, non dovrai far altro che assicurarti che ciò avvenga realmente.

Per farlo, vai su Online Store > Domini. Se vedi il messaggio che ti conferma che il traffico da tutti i tuoi domini viene reindirizzato al dominio primario, sei a posto!

Se invece vedi un  messaggio che ti informa che il traffico dai tuoi domini non viene reindirizzato a questo dominio primario, allora clicca sul pulsante di abilitazione del reindirizzamento. Ciò impedisce a Google di indicizzare entrambe le versioni e potenzialmente di confondersi su quale assegnare il ranking. Assicura inoltre che tutto il “link equity” sia consolidato nel tuo dominio primario.

Costruisci dei collegamenti

I backlink sono importanti perché aiutano a scalare le classifiche (si, lo sappiamo, stiamo sintetizzando troppo!). Anche se ci sono altri fattori che possono impattare in misura più rilevante sul posizionamento, a parità di altre condizioni più backlink di qualità ha una pagina, più traffico organico riceve da Google.

Ma come si ottengono più backlink?

Un buon modo per iniziare è quello di scoprire chi si collega attualmente alle homepage dei tuoi concorrenti. L'idea di base è che se ci sono siti che già si connettono a diversi tuoi concorrenti, è più probabile che si colleghino anche a te con un backlink.

Per trovare questi siti, inserisci due o più homepage di concorrenti diretti in una suite che ti consenta questa analisi (come SeoZoom), e valuta quali siano i loro backlink.

A quel punto potai contattare i proprietari dei siti in questione e domandare se siano o meno interessati a linkare anche il tuo sito!

Cura un blog

Il blog  è molto utile per poter generare nuovi contenuti che potrebbero posizionarsi piuttosto bene sui motori di ricerca e… non solo. A parte il traffico, infatti, il blogging è utile perché se miri alle parole chiave giuste, potrai facilmente “lanciare” il tuo prodotto all'interno del post! Le persone che sono pronte ad acquistare costituiscono una piccola percentuale dell'imbuto di marketing. La creazione di contenuti informativi come i post del blog ti aiuterà invece a educare i lettori nelle diverse fasi del percorso di acquisto e ad aumentare le possibilità di acquisto futuro.

Monitora e migliora!

Ultimo, ma non meno importante, è il consiglio di continuare a monitorare l’evoluzione del tuo sito e valutare sempre di apportare miglioramenti. Ricorda che non c’è mai fine al meglio che potresti ambire di ottenere!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Iscriviti al WEBINAR GRATUITO

IMPARA TUTTE LE BASI DELLA VENDITA SU AMAZON E RICEVI SUBITO 3 BONUS GRATUITI

 

 

✔️ricerca prodotto con Vadim

✔️Business Plan e GANTT

✔️Strategie per massimizzare le vendite