10 modi per aumentare le vendite su Shopify

By Shopify Leave a comment

Sul nostro sito abbiamo parlato tantissime volte di Shopify, definendolo come uno dei servizi migliori al mondo per poter avviare un’ecommerce anche se non si hanno competenze tecniche in materia.

Ebbene, una cosa è certa: se è vero che Shopify è una delle piattaforme più semplici e professionali a livello globale, è anche vero che il tuo negozio Shopify ha bisogno di clienti, perché altrimenti il tuo business non sarà mai sostenibile.

Ma come puoi attirare traffico verso il tuo store Shopify? In che modo puoi veicolare nuova potenziale clientela verso le pagine del tuo shop?

Ebbene, in questo post abbiamo voluto condividere con te e con tutti i nostri lettori 10 diverse tattiche di marketing Shopify che puoi testare subito per cercare di far crescere il tuo traffico, e magari anche le tue entrate.

Se avrai pazienza e le sperimenterai, comincerai a vedere il tuo traffico e le tue vendite crescere in maniera anche sostenuta (o, almeno, speriamo!).

Strategia di prezzo competitiva

La prima cosa che ti consigliamo di fare è considerare l'utilizzo di una strategia di prezzo competitiva. Una strategia di prezzo competitiva è quella in cui i rivenditori Shopify decidono di fissare i loro prezzi online in base alla concorrenza (cioè ai concorrenti o alle tendenze del mercato) piuttosto che alle richieste o ai costi sostenuti. Ma perché funziona così bene questa strategia?

La risposta non è certo ardua da ottenere. È perché il prezzo è uno dei fattori più importanti quando si tratta di acquisti online! Gli acquirenti online sono più che felici di cambiare negozio quando scoprono altri posti che vendono prodotti simili a prezzi più convenienti. Potendo offrire prezzi competitivi, si mantiene dunque stabile la propria base clienti.

Certo è che implementare questa strategia potrebbe non essere semplicissimo. Per gestire bene la strategia sui prezzi competitivi è importante automatizzarli, perché tracciare tutti i prezzi dei prodotti della concorrenza è un enorme spreco di tempo. Come imprenditore, ricorda che dovresti dedicare il tuo tempo ad attività ad alto valore aggiunto come l'analisi e il decision making, e dovresti invece azzerare il tempo che dedichi ad attività più ripetitive.

Per tua fortuna, sul web ci sono numerosi software che ti permetteranno di fare proprio questo, e dei quali parleremo in appositi approfondimenti.

Scrivere contenuti in ottica SEO

Il secondo suggerimento che vogliamo darti è quello di scrivere contenuti in ottica SEO. Ma perché è importante il blogging?

Il blogging è importante per diversi motivi e, tra di essi, anche per la sua capacità di posizionarsi su Google.

Pensaci per un pò. Se hai un piccolo negozio Shopify con solo una manciata di prodotti, significa che probabilmente hai solo poche pagine che potenzialmente possono essere classificate con l’algoritmo di Google. Tuttavia, se gestisci un blog e crei contenuti di qualità, in realtà stai creando più pagine, avendo a disposizione molte più armi per poter conquistare un migliore posizionamento su Google, e ottenere così un migliore traffico di ricerca organico.

Non solo, ma potrai anche usare questi contenuti per informare i tuoi potenziali clienti, condividendo con loro delle soluzioni sui problemi che stanno affrontando, ed educandoli su come usare il tuo prodotto per risolvere quelle necessità.

Se vuoi attuare questa strategia, la strada più efficace sarebbe quella di domandare una consulenza e un supporto a un professionista del content managing. Se però vuoi fare le cose da solo, devi iniziare a fare una buona attività di ricerca di parole chiave. Ma come?

Inizia con un brainstorming per le parole chiave “seed”, che sono quelle alla base della tua strategia di ricerca per keyword e sono essenzialmente parole o frasi che descrivono il tuo prodotto o la tua nicchia.

Se per esempio hai un negozio Shopify che vende pantaloni da yoga, allora le parole chiave seed saranno probabilmente “yoga”, o “pantaloni da yoga”. Quindi, inserisci queste parole chiave seed in uno strumento di ricerca per keywords come Ahrefs, e avrai a disposizione tantissime altre idee di parole chiave rilevanti che potrai esaminare, filtrare e dare priorità di conseguenza.

Una volta che hai una lista di parole chiave importanti che ritieni di dover posizionare, e dalla quale ti attendi del traffico qualificato di utenti che potrebbero essere oggetto di conversione e che potrebbero dunque acquistare i tuoi prodotti, non ti rimane altro da fare che iniziare a creare contenuti per loro.

Detto ciò, ricordati di promuovere i tuoi contenuti dopo aver pubblicato il tuo post per migliorare ulteriormnete la visibilità. Questo potrebbe aiutarti a generare traffico extra mentre acquisisci alcuni backlink importanti che possono aiutarti nel posizionamento!

Investire nell’influencer marketing

Chi sono gli influencer? Gli influencer sono persone che hanno accumulato un pubblico enorme sul web, di solito su siti di social media come Facebook, Instagram o YouTube. Queste persone hanno la straordinaria capacità di generare enormi quantità di traffico e potenziali vendite, semplicemente perché hanno consigliato il tuo prodotto ai loro fan!

Tuttavia, difficilmente gli influencer agiranno di loro spontanea volontà. È invece molto importante che tu sia in grado di cercare diverse opportunità per lavorare con gli influencer che siano più rilevanti per il tuo negozio Shopify e far sì che promuovano i tuoi prodotti presso il loro pubblico.

Detto ciò, ci sono alcuni modi per collaborare con loro al fine di ottenere traffico e vendite. Uno dei modi migliori (e forse il più semplice) per lavorare con gli influencer è la sponsorizzazione. In una campagna di sponsorizzazione, è possibile inviare prodotti gratuiti agli influencer o pagare un importo particolare affinché loro parlino del proprio prodotto di fronte al proprio pubblico.

E proprio qui che puoi giocare con una vasta gamma di cose, che vanno da un post di Instagram con il tuo prodotto, o un particolare video YouTube dedicato al tuo negozio. Concorderai volta per volta questa modalità comunicativa direttamente con loro.

Un’altra modalità di collaborazione è quella di coinvolgerli nella tua pubblicità. Sebbene di solito questi stratagemmi siano utilizzati dalle grandi marche per le pubblicità televisive, puoi pur sempre considerare di utilizzarli come modelli per i tuoi annunci su Facebook!

Uno dei maggiori vantaggi di farlo è l'effetto “aureola”, in cui l'attrattiva fisica o la popolarità possono infondere “tratti positivi” al tuo prodotto in virtù del fatto che lavori con tali influencer.

Infine, puoi anche scegliere di collaborare con gli influencer per lavorare insieme sui prodotti. Ci sono vari modi di affrontare la questione: puoi ad esempio fargli progettare un prodotto per la tua nuova linea, dare il nome a un prodotto e così via.

Un grande esempio di questo tipo di collaborazione è la collaborazione tra Kanye West e Adidas per produrre la scarpa, Yeezy's. Le vendite di Adidas sono aumentate del 14% e l'utile netto è salito del 10% dopo la collaborazione!

 

Organizzare concorsi con premi

Siamo sinceri: chi non ama gli omaggi e i regali? Probabilmente, la risposta è piuttosto scontata e… lo dovrebbe essere anche il metodo di implementazione di tali regalie all’interno della tua strategia di business!

Gli omaggi sono d’altronde un metodo collaudato nel tempo per costruire la brand awareness e far conoscere meglio il tuo negozio. Semmai, il trucco per fare un buon giveaway è quello di offrire solo prodotti che sono ritenuti di interesse dal tuo pubblico, perché solamente in questo modo li indurrai a impiegare del tempo per poter partecipare al concorso.

Naturalmente, per poter ottenere il meglio da questa strategia non è sufficiente limitarsi a fare un grande concorso con degli omaggi sostanziosi, e aspettare che abbia successo. Per poter raggiungere il maggior numero di persone possibile, infatti, bisogna costruire un loop virale, andando a stimolare la partecipazione anche attraverso un meccanismo che incrementi le opportunità di vincita se i partecipanti suggeriranno il contest ai loro amici, e così via.

Anche in questo caso, fortunatamente, non devi fare tutto da solo. Ci sono infatti apposite applicazioni che ti permetteranno di automatizzare o semi automatizzare tutto ciò. Ne parleremo, anche in questo caso, in appositi approfondimenti.

Impostare un programma fedeltà

Un programma fedeltà è una strategia in cui i clienti sono incentivati (attraverso punti e premi) a tornare più spesso sul tuo store e a diventare clienti abituali.

Per moltissime aziende è proprio il programma fedeltà a rappresentare un driver di business fondamentale, e forse il più importante, traghettando margini e profitti a breve termine su livelli prima inimmaginabili. Potrebbe capitare la stessa cosa anche al tuo business, no?

Ora, ci sono diversi modi di sfruttare un programma fedeltà, che vanno da una carta fedeltà digitale (per esempio, acquista 5 prodotti e poi ne puoi prendere 1 gratis) o un sistema di punti, dove ogni euro speso equivale a un punto, e più punti equivalgono a più ricompense riscattabili.

Puoi anche scegliere di premiare i clienti per azioni specifiche intraprese sul tuo sito web, e usarlo per incoraggiarli ad acquistare di più. Anche in questo caso, poi, giova rammentare che sebbene a prima vista un programma di fidelizzazione possa sembrare complesso, per fortuna non lo è.

Come molte delle strategie di questa lista, infatti, è sufficiente installare un'applicazione come Smile.io sul tuo store Shopify, e i problemi del vostro programma fedeltà saranno risolti in pochi clic!

Ottenere più recensioni

È innegabile: i tuoi clienti faranno una ricerca online prima di cliccare sul pulsante “acquista” sul tuo sito web! E di chi si fideranno quando si tratta di sapere se acquisteranno o meno dal tuo store? Delle recensioni online.

Non importa se si tratta di una recensione su Amazon, di una recensione privata da altri blog, o di un qualche tipo di servizio di aggregazione di recensioni. Stai pur certo che i clienti saranno ansiosi di verificare se vale o meno la pena di acquistare il tuo prodotto!

Asseconda questo desiderio, e incoraggia i tuoi clienti a lasciare recensioni più positive per il tuo negozio e per i tuoi prodotti. Aiuta i tuoi clienti a costruire la fiducia in ciò che hai da offrire loro, e il resto verrà da sé.

Purtroppo, come probabilmente sai già e hai già avuto modo di toccare con mano, non sempre è facile ottenere più recensioni per il tuo store!

I clienti soddisfatti e con una buona impressione del tuo prodotto o del tuo servizio tendono infatti a dimenticare di lasciare recensioni, mentre i clienti che non sono soddisfatti sono certamente più motivati a lasciare delle recensioni non certo bonarie.

Il tuo compito dovrebbe pertanto essere quello di incoraggiare le recensioni più positive ricordando ai tuoi clienti di lasciarne una. Rendilo particolarmente ovvio ed esplicito inserendo le call to action sul tuo sito web. Se poi ricorri a un programma fedeltà (vedi sopra), puoi anche fare in modo che “lasciare una recensione” sia un'azione che possa essere oggetto di ricompensa con dei punti. In alternativa, puoi anche utilizzare apposite applicazioni per Shopify che incoraggiano i tuoi clienti a lasciare più recensioni. Anche di questo, parleremo a suo tempo!

Inviare email a chi ha abbandonato merce nel carrello

Un’altra strategia molto potente per poter incrementare le vendite del tuo store su Shopify è quello di inviare e-mail agli utenti che hanno abbandonato merce nel proprio carrello.

Il 68,63% dei clienti aggiunge infatti uno o più prodotti al carrello ma poi non riesce a fare il check-out. Ciò significa che se non si trova un modo per farli tornare a cliccare sul pulsante di checkout, si perde la vendita, con ciò che può poi comportare in termini di riduzione del fatturato rispetto… a quanto sarebbe potuto essere!

Ad ogni modo, non preoccuparti, perché non tutto è perduto.

Puoi infatti indurre i clienti che ricadono in questo scenario a tornare indietro inviando loro un'e-mail di recupero della merce abbandonata nel carrello, ovvero un messaggio di posta elettronica che attraverso alcune apposite app puoi far inviare automaticamente quando un cliente aggiunge i tuoi prodotti al carrello – e non fa il check-out. Quando un cliente riceve questa e-mail, gli verrà dunque ricordata la possibilità di effettuare l'acquisto nel tuo negozio.

Ancora una volta, come già dovresti aver intuito leggendo le scorse righe, avrai a disposizione davvero tantissime app (ad esempio Omnisend) sullo Shopify App Store che possono aiutarti con le e-mail indirizzate a chi ha abbandonato merce nel carrello. Non sottovalutarle!

shopify

Sfruttare l’upselling

Sempre in merito alle strategie migliori per poter incrementare le vendite su Shopify, un cenno deve essere evidentemente attribuito all’upselling. Secondo una valutazione di ConversionXL, ad esempio, ci sono solo tre modi per generare maggiori entrate per il tuo negozio: ottenere nuovi clienti, far sì che i clienti esistenti acquistino più spesso e incrementare la dimensione media degli ordini di ogni cliente.

Naturalmente, la maggior parte delle tattiche di questo elenco possono aiutarti ad acquisire più clienti o a far sì che i clienti esistenti acquistino più spesso ma… che ne dici di aumentare la dimensione media di ogni ordine da parte della tua clientela?

È quello che in termini tecnici si chiama “upselling”. Un upsell è la vendita di un cliente che ha appena comprato qualcosa (ed è, quindi, “caldo”) che integra quello che ha appena acquistato. Un esempio classico sarebbe vendere una cravatta a qualcuno che ha appena comprato un abito.

Ebbene, ci sono davvero molti modi per creare un upsell che induca i tuoi clienti ad acquistare di più attraverso le vetrine del tuo shop. E il modo in cui lo attuerai alla fine dipenderà dal tipo di negozio e dai prodotti che venderai.

È infatti possibile fornire loro uno sconto per l'acquisto aggiuntivo, offrire un aggiornamento di qualità rispetto al prodotto corrente che stanno acquistando, vendere loro un pacchetto che includa più prodotti, vendere loro un prodotto complementare che si adatti a quello che hanno appena comprato o che stanno per comprare, fornire loro un'estensione di garanzia, chiedere loro se vogliono optare per una spedizione più veloce (con sovrapprezzo) e così via.

Fare una politica di comunicazione su Instagram

Il 65% degli utenti di Instagram utilizza il proprio feed per scoprire nuovi marchi e cercare ispirazione su cosa acquistare. Il problema è che non sono in grado di acquistare un prodotto nel momento stesso in cui sono in vena di acquisti! Dovranno infatti uscire da Instagram, andare sul browser scelto e digitare il nome del negozio (se lo ricordano). Insomma, non proprio un processo lineare ma… come puoi correre ai ripari?

Il modo più semplice è diretto è trasformare il tuo Instagram in un feed Shoppable. Usando applicazioni come Snapppt, puoi infatti trasformare il tuo feed Instagram in un negozio che può meglio gestito in fase di shopping, perché Snapppt trasformerà il tuo link in bio (l’unico link che puoi rendere attivo su Instagram) in un feed interattivo che consentirà ai tuoi utenti di acquistare i prodotti presenti sul social network. Non male, no?

Sviluppare un programma di referral

La migliore strategia di marketing, intendendo per tale quella che funziona sempre e comunque, per ottenere più clienti, è il passaparola. Dopo tutto, le persone diffondono il passaparola solo se sono soddisfatte dei vostri prodotti: non ti sembra una motivazione davvero convincente?

Ebbene, dinanzi a questa buona notizia, c’è però una brutta cosa che dovresti conoscere. Nonostante il fatto che molti clienti soddisfatti vorrebbero raccontare ai loro amici del tuo prodotto o del tuo servizio, la verità è che solo meno del 30% di loro lo fa effettivamente. Perché?

Perché i tuoi clienti sono smemorati, non hanno stimoli o non hanno voglia. Non solo, nella vita reale esistono poche possibilità che possano condividere il tuo prodotto con i loro amici.

È proprio per questo motivo che dovresti agire di impulso, e cercare di risolvere questo problema sviluppando il tuo personale programma di referral.

Un programma di referral può infatti influenzare deliberatamente il processo di passaparola incentivando i clienti a condividere i tuoi prodotti con i loro amici. A loro volta, quando i loro amici diventano tuoi clienti, saranno ulteriormente incoraggiati a condividere il tuo prodotto con i loro amici, costruendo una sorta di loop virale senza fine che continua a inviare traffico e vendite al tuo negozio.

Come un programma di fidelizzazione, impostare un programma di referral è facile. Puoi in particolar modo impostarne uno utilizzando una soluzione personalizzata o utilizzare le applicazioni Shopify come ReferralCandy per avviare il tuo programma di referral. In bocca al lupo!

FAQ su Shopify

Vogliamo quindi concludere questo nostro breve approfondimento sulle migliori strategie per poter incrementare le tue vendite su Shopify attraverso una serie di risposte alle domande più comuni su questa potente piattaforma.

Probabilmente, soprattutto se stai già vendendo con questo servizio, non rappresenteranno niente di nuovo. Se tuttavia stai compiendo in questo settore i tuoi primi passi, potrebbero essere utili per poter migliorare la conoscenza di Shopify e avvicinarti al mondo delle strategie di marketing sul tuo store con ancora maggiore consapevolezza. Proviamo a scorgere insieme alcune delle FAQ più importanti!

Cos’è Shopify e cosa fa

In termini molto semplici, Shopify è una piattaforma di e-commerce. Ma come molte altre piattaforme di e-commerce sul mercato, Shopify fa molto di più che aiutarti semplicemente a vendere prodotti e ad accettare ordini, perché può garantirti un’interfaccia molto intuitiva e tanti servizi extra che ti permetteranno di liberare molto tempo che potrai poi dedicare a ciò che conta davvero per te.

Con Shopify potrai dunque creare e personalizza il tuo negozio online, vendere su internet (compresi i dispositivi mobili), sui social media e altrove, gestire prodotti, inventario, pagamenti e spedizioni, gestire i clienti e i potenziali clienti e tanto altro ancora!

Tieni anche conto che Shopify funziona nel cloud. Il che significa che non devi preoccuparti di nessun hardware, software o server web. Tutto è fornito e gestito direttamente da Shopify, e tutto quello che dovrai fare è semplicemente effettuare il login e prenderti cura della tua attività. Dunque, potrai gestire la tua attività da qualsiasi luogo con una connessione internet.

Come si gestisce il dominio in Shopify

Shopify ti permette di utilizzare il tuo dominio preferito. Puoi dunque creane uno nuovo o trasferire un dominio esistente a Shopify con relativa facilità. Assicurati dunque che il nome del negozio che sceglierai sia quello che vuoi veramente.

Si ha bisogno di un designer o di uno sviluppatore web per utilizzare Shopify?

La risposta è sicuramente no, a meno che tu non lo voglia.

Shopify è infatti una soluzione pronta all'uso, chiavi in mano, e quindi non è necessario assumere nessuno per effettuare personalizzazioni, a meno che non lo si voglia. Molte aziende, soprattutto le piccole imprese, utilizzano Shopify senza grandi personalizzazioni, o scoprendo il piacere di fare qualche personalizzazione in completa autonomia.

Tieni però conto che le personalizzazioni in “autonomia” di Shopify devono essere effettuate nei limiti del consentito. Shopify ha infatti un proprio linguaggio chiamato Liquid. E a meno che tu non sia stato sufficientemente formato su come funziona questo linguaggio… probabilmente sarà meglio affidarsi a uno sviluppatore o designer che abbia esperienza nell'editing del codice Shopify!

Se comunque non vuoi assumere uno sviluppatore, puoi pur sempre cercare le funzionalità di cui hai bisogno nell'app store. Basta tenere presente che la maggior parte di queste sono gratis, mentre altre sono fornite a pagamento.

Spetterà a te cercare di comprendere quali possano essere le soluzioni più utili per i tuoi fini, e come adottarle all’interno della tua strategia di marketing su Shopify!

Quali lingue sono supportate da Shopify

Shopify è disponibile in italiano e… non solo. Dunque, potrai ottenere tutto il supporto che desideri con l’idioma che conosci meglio, aggirando così qualsiasi tipo di barriera linguistica che potrebbe rendere più difficoltosa la fruizione di altre piattaforme di commercio elettronico.

Quanto costa Shopify

Fin qui abbiamo discusso della possibilità di utilizzare Shopify, e di utilizzarlo al meglio grazie ai numerosi benefici che è in grado di trasferirci. Ma a quale prezzo?

Shopify ha tre piani tariffari di base che funzionano per la maggior parte delle aziende. E poi ci sono altri due piani che coprono le aziende ai due estremi dello spettro delle vendite online (Shopify Lite e Shopify Plus).

Per quanto concerne il piano base, Shopify Lite ha un costo di 9 dollari al mese e ti permetterà di vendere i tuoi prodotti sui social media, di persona o su un sito web di terze parti. Il piano Shopify Basic ha invece un costo di 29 dollari al mese e ha tutte le caratteristiche di Lite più la possibilità di creare il tuo negozio online sul tuo dominio.

C’è poi il piano Shopify, che ha un costo di 79 dollari al mese e ha tutte le caratteristiche di Basic, ma è costruito per un negozio online leggermente più grande, includendo più account per i tuoi collaboratori, la possibilità di concedere carte regalo e la reportistica professionale.

C’è poi il piano Shopify Advanced, che costa 299 dollari al mese ed è costruito per un business sicuramente più strutturato, che non può ritenere sufficiente il piano Shopify ma non è ancora pronto per la soluzione Plus.

Infine, abbiamo l’appena rammentato piano Shopify Plus, programma destinato alle aziende più grandi. Se questo è ciò di cui ritieni di aver bisogno, devi contattare direttamente Shopify.

Tieni anche conto che ogni piano he le sue spese di transazione, che vengono applicate ad ogni ordine. Se si utilizza il gateway di pagamento Shopify, si pagherà ovunque tra il 2,9% + 0,30 dollari al 2,4% + 0,30 dollari per transazione online.

Vantaggi e svantaggi di Shopify

Come dovresti aver già intuito se hai letto con attenzione le nostre valutazioni, Shopify è una piattaforma estremamente intuitiva, facile da usare e affidabile. Non è la soluzione di e-commerce più economica che puoi trovare sul mercato, ma è sicuramente tra le migliori in circolazione ed ha un rapporto qualità / prezzo praticamente imbattibile.

Pro di Shopify

Partiamo dunque dai vantaggi. Come abbiamo più volte sottolineato, quando si è alla ricerca della migliore piattaforma di e-commerce, si desidera avere tra le mani un'opzione che sia affidabile, facile da usare e sicura. Ebbene, sono tutti elementi in cui Shopify eccelle.

Tutti i dati sono infatti ospitati da ServerCentral, che è un servizio di hosting a livello aziendale. Ogni negozio è anche protetto da un sistema di backup automatico. Ciò significa che ci si può aspettare che il negozio sia operativo nel 99,9% dei casi. E che non dovrai nemmeno preoccuparti di perdere i dati memorizzati.

Inoltre, Shopify è stato costruito pensando al SEO e al marketing, elementi cruciali per la crescita di un'azienda. È possibile utilizzare Shopify per rivedere le analisi, gestire la newsletter aziendale e pubblicizzare i prodotti sulle piattaforme dei social media.

Se poi hai passato del tempo a valutare tale piattaforma di e-commerce, ben saprai che c'è una vasta serie di alternative di design di cui puoi beneficiare. Shopify si integra inoltre facilmente con la maggior parte dei principali fornitori di dropshipping, compresi AliExpress e Oberlo. Non è necessario utilizzare fornitori come questi, ma rende facile la creazione di un negozio online in pochi minuti.

Contro di Shopify

Naturalmente, come avviene in ogni piattaforma di commercio elettronico, Shopify ha alcuni limiti.

Per esempio, Shopify è stato costruito per rendere il commercio elettronico facile per le piccole imprese con risorse limitate. E, come tale, ha tutte le caratteristiche di cui la maggior parte delle piccole imprese ha bisogno per iniziare. Ma se la tua azienda ha esigenze specifiche, potreste avere difficoltà a far sì che Shopify si adatti ai tuoi bisogni. Puoi sempre cercare tra i componenti aggiuntivi (Shopify App), ma tieni sempre sotto controllo i costi: una volta calcolato il prezzo di Shopify con i componenti aggiuntivi di cui avrai bisogno, confrontalo con altre soluzioni per vedere quale sia la più conveniente!

Inoltre, Shopify permette personalizzazioni limitate. Anche se è ben possibile creare un negozio davvero straordinario personalizzando i modelli di Shopify, tieni conto che “piegare” alle tue volontà i modelli standard di Shopify ti chiederà probabilmente l’intervento di uno sviluppatore che sia esperto in Liquid.

Ancora, tieni a mente che se non utilizzi il gateway di pagamento di Shopify, dovrai affrontare delle spese di transazione di Shopify maggiorate, che variano a seconda del piano.

Leave a Reply

Your email address will not be published.